MotoGP, test Sepang Giorno 2: la Ducati fa paura, Bastianini da record

La pioggia ha stravolto un po’ i piani dei piloti della MotoGP nella seconda giornata di prove sul tracciato di Sepang. Enea Bastianini, prima dell’acquazzone, ha siglato un giro impressionante.

La seconda giornata di test malesiani ha sorriso ancora ai colori italiani. Dopo l’exploit di sabato dell’Aprilia, stavolta è toccato ad un pilota italiano far impazzire i fan. In attesa dell’inizio della stagione, previsto per il 6 marzo a Losail, i piloti della MotoGP hanno testato le nuove moto per valutare le ultime soluzioni tecniche.

Enea Bastianini (Getty Images)
Enea Bastianini (Getty Images)

Il pilota del team Gresini, Enea Bastianini, ha trovato un gran feeling in sella alla Desmosedici GP21. Il riminese è riuscito a siglare il nuovo record della pista in 1:58.131. Un giro pazzesco, prima della pioggia, in una giornata dove addirittura sei piloti sono riusciti a battere la pole record di Fabio Quartararo in 1:58.303 del 2019. La sensazione è che tutte le moto abbiano fatto enormi progressi.

Il potenziale della Ducati è immenso, essendo la moto più competitiva delle ultime due stagioni della MotoGP. Il tempo di Enea è la conferma dell’occasione che avranno anche i team satelliti della Rossa di Borgo Panigale. L’Aprilia ha dimostrato di aver fatto passi da giganti, riuscendo con Aleix Espargarò e Maverick Vinales a chiudere nella top 5 anche oggi.

MotoGP, Marquez dopo le 2 cadute: ecco come sta

MotoGP, dominio italiano a Sepang

Nelle prime sei posizioni si sono classificate cinque moto italiane. Alle spalle della Ducati di Bastianini e dell’Aprilia di Aleix Espargarò (a soli 26 millesimi dal leader), ha chiuso il podio il Jorge Martin del team Ducati Pramac. Lo spagnolo ha segnato il terzo tempo in 1:58.243, mentre Pecco Bagnaia, in 1:58.265, ha siglato il quinto crono. Il pilota italiano della squadra corse ufficiale si era un po’ nascosto nella giornata di ieri, ma oggi ha dato dimostrazione della potenza bruta del motore della Rossa.

Tra i bolidi italiani è riuscito ad infilarsi alla grande la Suzuki di Alex Rins, quarto davanti a Vinales. Il campione del mondo 2021, Fabio Quartararo ha fatto segnare il settimo tempo. La Yamaha non è apparsa in grande forma, non tanto per la performance dell’asso francese, ma per i tempi fatti registrare da Franco Morbidelli, Andrea Dovizioso, e Darryn Binder tutti oltre la 20° posizione.

MotoGP, rivoluzione aerodinamica in KTM: ecco la novità (FOTO)

Gli occhi erano puntati, naturalmente, anche su Marc Marquez. Il pilota della Honda ha siglato l’ottavo tempo. Dopo un inverno complicatissimo con i problemi di diplopia, si è trattato di un ritorno in pista importante in vista dell’inizio della stagione. La Honda è stata stravolta sul piano tecnico e occorrerà del tempo al Cabroncito per trovare il feeling migliore. In tal senso sorprende il suo teammate Pol Espargarò, a meno di un decimo dall’otto volte campione del mondo. Il miglior rookie? Marco Bezzecchi che nel team VR46 si è messo alle sue spalle gli altri debuttanti della classe regina.

Top 10 tempi dei test Sepang (domenica)

1. Enea Bastianini (Gresini Racing MotoGP) – 1:58.131
2. Aleix Espargarò (Aprilia Racing) + 0.026
3. Jorge Martin (Pramac Racing) + 0.112
4. Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) + 0.130
5. Maverick Vinales (Aprilia Racing) + 0.130
6. Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) + 0.134
7. Fabio Quartararo (Monster Energy Yamaha MotoGP) + 0.182
8. Marc Marquez (Repsol Honda Team) + 0.201
9. Johann Zarco (Pramac Racing) + 0.282
10. Pol Espargarò (Repsol Honda Team) + 0.289