Verstappen come suo suocero? Può accadere qualcosa di storico

Max Verstappen può vincere il mondiale già sabato durante la Sprint Race del Qatar, cosa che porterebbe ad eguagliare il suocero.

Dopo una settimana di pausa, il mondiale di F1 torna in azione in questo week-end per il Gran Premio del Qatar, alla sua seconda edizione dopo l’esordio del 2021. Due anni fa vinse Lewis Hamilton davanti a Max Verstappen, con Fernando Alonso che colse un clamoroso podio al volante dell’Alpine.

Red Bull e Verstappen per la storia
Red Bull con Max Verstappen in azione a Suzuka (ANSA) – Tuttomotoriweb.it

La pista di Losail, dove si correrà in notturna, è molto interessante pur essendo tra le più moderne presenti in calendario, ed è ricca di curvoni veloci pronti ad esaltare la superiorità della Red Bull. Per Super Max si tratterà del match point per portare a casa il terzo titolo, che per la prima volta potrebbe essere assegnato in Qatar.

Pensate che l’olandese potrebbe vincerlo già nella Sprint Race del sabato, nella quale gli basterà guadagnare 3 punti su Sergio Perez, il suo compagno di squadra che è l’unico ancora matematicamente in corsa per il titolo, con 177 punti di ritardo. Il dominio di Verstappen in questa stagione è stato impressionante, e non c’è mai stato nessuno, probabilmente, che in passato ha dimostrato tale superiorità sulla concorrenza.

Dopo la gara disastrosa di Singapore, Super Max ha voluto distruggere tutti a Suzuka, dove ha messo in mostra un ritmo insostenibile. Sul traguardo, il leader iridato ha chiuso con un margine di 19 secondi su Lando Norris e la sua McLaren, con tutti gli altri ad oltre mezzo minuto. Come detto, l’olandese può chiudere i conti già al sabato, e questo potrebbe scaturire un bel paragone su un membro della sua famiglia.

Verstappen, ecco perché può eguagliare Nelson Piquet

Max Verstappen può vincere il titolo nel corso della Sprint Race del sabato in Qatar, cosa che lo porterebbe a portare a casa il titolo mondiale nella giornata precedente al Gran Premio. Per chi non lo sapesse, ciò è già accaduto nella storia della F1, anche se, ovviamente, non certo per motivi legati alle gare Sprint, introdotte solamente nel 2021.

Max Verstappen verso il mondiale
Max Verstappen nei box (ANSA) – Tuttomotoriweb.it

Pensate che ciò è accaduto già in cinque occasioni, a cominciare dal GP degli Stati Uniti del 1959, quando fu Jack Brabham ad imporsi al sabato sulla Cooper T51. Il tutto avvenne sul tracciato di Sebring quell’anno, e poche stagioni dopo avvenne un fatto analogo, con protagonista Graham Hill, nel 1962.

Il pilota britannica si impose sul fronte mondiale ad East London, al GP del Sud Africa su una BRM, ma è in seguito che notiamo una clamorosa coincidenza con la carriera di Super Max. Infatti, sia nel 1981 che nel 1983, il suocero di Max Verstappen, ovvero Nelson Piquet, vinse il titolo al sabato, nel primo caso, al GP degli Stati Uniti di Las Vegas al volante della Brabham.

In questa occasione, il motivo dell’assegnazione è molto semplice. Infatti, a Las Vegas si corse di sabato, stessa cosa che accadrà a novembre, quando la F1 farà il suo ritorno nella città del Nevada. Infatti, anche Keke Rosberg nel 1982 lo vinse al sabato, e sempre in quel di Las Vegas, regalando alla Williams il secondo titolo piloti della sua storia, dopo quello vinto da Alan Jones nel 1980.

Nel 1983, fu ancora Piquet ad imporsi al sabato, e stavolta ciò accadde al GP del Sud Africa, corso sulla pista di Kyalami. Ricordiamo che Nelson è il padre di Kelly Piquet, l’attuale fidanzata del pilota della Red Bull, ed anche se i due non sono ancora sposati, si può dire che l’asso brasiliano sia il “suocero” del fenomeno olandese. Il titolo mondiale in Qatar, dunque, diventa anche una questione di famiglia.

Impostazioni privacy