F1, Max Verstappen porta a casa un altro successo: ecco la sua vittoria

Il pilota della Red Bull Racing, Max Verstappen, ha conquistato l’evento e-sport di Bathurst, stavolta come compagno di squadra di un pilota britannico.

Nei giorni scarsi abbiamo assistito alla presentazione della nuova RB18. Max Verstappen è sembrato entusiasta del nuovo progetto del team austriaco, anche se la vettura non ha ancora messo in mostra gli eventuali punti di forza. L’olandese si augura di riuscire a fare la differenza anche nel 2022, dopo il titolo conquistato all’ultimo respiro contro il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton. In F1 è tutto nuovo, dalle auto alle gomme, e per questo potrebbe accadere di tutto nella prossima stagione.

Max Verstappen (Getty Images)
Max Verstappen (Getty Images)

Il fenomeno della Red Bull Racing si è tolto un peso enorme, conquistando la sua prima corona iridata. Il figlio d’arte di Jos potrà sfoggiare il numero 1 sulla livrea 2022 e, come spesso accade ai campioni, acquisirà una esperienza e una sicurezza ancora maggiore. A soli 24 anni l’olandese può vantare già 60 podi e 20 Gran Premi vinti. Max è maturato tantissimo nel corso del 2021 riuscendo a conquistare un maggior numero di gare rispetto a rivale della Mercedes.

Il #33 ha imparato a gestire al meglio i vari momenti della corsa, dimostrando una capacità di analisi più unica che rara. Verstappen oggi non è più solo istinto e velocità, ma un fine stratega che dirige dall’abitacolo anche il lavoro dei suoi tecnici. Indimenticabile il messaggio via radio dove invitava, lo scorso anno, la squadra a modificare la strategia del suo teammate Sergio Perez. L’olandese ha commesso meno errori rispetto al navigato Hamilton e i pochi passaggi a vuoto sono stati dovuti ad una serie di sfortunati eventi.

Red Bull, c’è grande entusiasmo: il vero punto di forza della RB18

Max Verstappen batte ancora un inglese

Al di là delle polemiche scaturite dalla decisione finale di Michael Masi, Max Verstappen non ha rubato nulla. L’olandese ha meritato di conquistare la sua prima corona iridata, al termine di una sfida con Lewis Hamilton lunga una intera stagione. La fortuna ha aiutato l’olandese nel momento più importante, spianandogli la strada verso la conquista del mondiale. L’incidente di Latifi ha riaperto la contesa e la discutibile decisione di Masi ha fatto il resto. La scelta del direttore di Masi non può e non deve macchiare un cammino trionfale del driver della Red Bull Racing.

Dopo un inverno all’insegna del relax il campione del mondo ha ripreso anche gli allenamenti virtuali. Max è solito dilettarsi in sfide endurance online per mettere alla prova il proprio talento anche al simulatore. Dopo i deludenti ritiri di Le Mans e Daytona, il giovane si è riscattato nella tappa australiana di Bathurst. Nella gara endurance virtuale di 12 ore il campione del mondo 2021 ha guidato una McLaren MP4-12C GT3, passando dalla quinta alla prima posizione.

F1, attacco durissimo alla Red Bull: l’ex non le manda a dire

È stato fantastico partecipare alla gara e l’auto ha funzionato alla grande – ha dichiarato il pilota olandese sul proprio sito web – è stato così anche l’anno scorso quando eravamo su un’altra macchina“. Per il pilota della RB si è trattato del secondo successo consecutivo e ha voluto elogiare anche il suo compagno britannico Luke Bennett del team Redline per la prova convincente. Verstappen sarà impegnato a Barcellona per lo shakedown dal 23 al 25 febbraio, mentre dal 10 al 12 marzo a Sakhir, Bahrain, andranno in scena le ultime prove in vista dell’inizio del campionato del 20 marzo.