F1, venduta una Mercedes ad una cifra record: battuta anche la Ferrari

Una storica Mercedes di F1 del passato è stata venduta ad una cifra record, battendo anche la Ferrari di Michael Schumacher. Ecco i dettagli.

La Mercedes è un marchio che ha fatto la storia della F1, dal momento che, oltre al periodo dominato nel corso della recente era ibrida, era riuscita a fare un sol boccone degli avversari anche agli albori del Circus. Juan Manuel Fangio infatti, si laureò campione del mondo nel 1954 e nel 1955, prima che la casa di Stoccarda decise per il ritiro dalle corse automobilistiche dopo la tragedia di Le Mans nel quale persero la vita anche decine di spettatori.

F1 Mercedes (ANSA)
F1 Mercedes (ANSA)

L’assenza della Stella a tre punte è perdurata per tantissimi anni, fino ad un accordo con la Sauber per tornare in F1 nel 1993, e precedentemente, alla fine degli anni Ottanta, per la fornitura dei motori alla stessa squadra svizzera per il mondiale sport-prototipi e la 24 ore di Le Mans. Da quel momento in poi, la Mercedes decise che era il momento di tornare a fare sul serio, e nel 1995 ufficializzò la partnership con la McLaren.

Il team di Woking, dopo i domini con la Honda, era piombato in una crisi di risultati, ma grazie agli accordi con la Mercedes e l’acquisto del direttore tecnico Adrian Newey dalla Williams, i risultati tornarono ad essere quelli di un tempo. Nel 1998, la coppia composta da Mika Hakkinen e David Coulthard portò a casa il titolo costruttori, con il finlandese campione anche tra i piloti.

Mika andò a ripetersi anche nel 1999, e nel 2008 toccò a Lewis Hamilton portare in cielo la McLaren-Mercedes. Nel 2010 fu la volta del ritorno in pista del team ufficiale Mercedes, che puntò su Michael Schumacher e Nico Rosberg come coppia totalmente tedesca.

Le prime stagioni furono difficili, ma con l’arrivo dell’era ibrida e l’ingaggio di Hamilton tutto divenne più facile. Il team di Brackley, sotto la guida dell’eccezionale Toto Wolff, ha letteralmente sbaragliato la concorrenza, riportando in auge il mito delle frecce d’argento, che da troppi anni attendevano la riscossa.

F1, la Mercedes di Fangio venduta ad una cifra record

Negli ultimi giorni, presso Monterrey, in California, una Mercedes W196 è stata messa all’asta e venduta per circa 20 milioni di dollari, in un meeting organizzato da RM Sotheby’s, battendo persino una Ferrari di Michael Schumacher, precisamente la F2002 dei record che non ebbe rivali in quella stagione di F1.

La Mercedes in questione è quella che portò in cielo Juan Manuel Fangio nel biennio 1954 e 1955, un vero prodigio di tecnologia. La freccia d’argento per eccellenza. La caratteristica principale di questo mezzo strepitoso era il fatto di avere a disposizione due tipologie di carrozzeria.

Ce n’era una a ruote scoperte (che è quella che è stata battuta all’asta), che era la versione maggiormente utilizzata, progettata appositamente per i tracciati dove si gareggiava. Essa privilegiava il grip e la maneggevolezza. Quella carenata era definitiva “Tipo Monza”, indicata per le piste più veloci, praticamente prive di curve lente, visto che accusava circa 100 chili in più rispetto alla “sorellina”.

La W196 ottenne dei risultati straordinari per la F1 dell’epoca, disputando dodici gare con nove vittorie ottenute, otto pole position e nove giri veloci. Otto furono i trionfi di Fangio, che lasciò la soddisfazione di un successo anche a Stirling Moss, il quale ebbe la meglio nel Gran Premio di Gran Bretagna del 1955.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Come detto, questa Mercedes ha battuto la Ferrari F2002 dei record, che con Michael Schumacher e Rubens Barrichello dominò il mondiale 2002. In quel campionato, la vettura andò al debutto in Brasile, ed ottenne 14 vittorie su 15 gare, un qualcosa di impressionante che andò a sottolineare la superiorità tecnologia di Maranello a quell’epoca. Ad oggi, di quella Scuderia modenese che dominava la scena non è rimasto nulla, ed ai tifosi non resta che consolarsi con i ricordi dei bei tempi andati via.