Red Bull, ecco le modifiche sulla RB18 per azzannare la Ferrari (FOTO)

La Red Bull si presenta a Silverstone con un gran pacchetto di aggiornamenti. Scopriamo tutte le novità pensate da Adrian Newey.

In casa Red Bull non c’è nessuna intenzione di interrompere lo sviluppo della RB18, la monoposto che sta dominando il mondiale attualmente in corso. Il team di Milton Keynes, che proviene da sei vittorie consecutive, è ormai in serie positiva dal 24 aprile, giorno dell’appuntamento disputato ad Imola, quando Max Verstappen e Sergio Perez riportarono gli anglo-austriaci alla doppietta dopo quasi sei anni dall’ultima volta.

Red Bull RB18 (LaPresse)
Red Bull RB18 (LaPresse)

Il campione del mondo ha impresso un ritmo forsennato da quel momento in avanti, vincendo tutte le gare e chiudendo terzo a Monte-Carlo, dove ad imporsi è stato il compagno di squadra. Vedendo solo i risultati delle nove tappe disputate sin qui verrebbe da pensare che la squadra diretta da Christian Horner disponga di una vettura chiaramente superiore alla Ferrari, ma sin qui non è stato proprio così.

Il Cavallino ha gettato al vento davvero troppi punti tra errori di strategia e problemi di affidabilità, i quali hanno compromesso il gran potenziale di questa monoposto. La Red Bull ha invece reagito da grande squadra ai problemi delle prime tre gare, compattandosi e rimontando senza perdersi d’animo. A Silverstone potrebbe arrivare la mazzata definitiva, considerando anche i parecchi sviluppi portati sulla RB18, cosa non fatta dalla Ferrari.

Ricordiamo che da questa gara sono anche cambiate alcune regole, che riguardano le power unit, la temperatura del carburante ma anche l’aerodinamica. Saranno infatti introdotti dei nuovi test sulla flessibilità della beam wing e delle appendici posteriori, e c’è da scommettere che Adrian Newey non si farà trovare impreparato.

La pista di Silverstone è una delle più difficili e tecniche del mondiale, con l’ulteriore variabile impazzita del meteo. Al giovedì pomeriggio è scesa una copiosa pioggia, che potrebbe essere della partita anche durante le sessioni ufficiali. In Canada, Verstappen ha dimostrato di non avere rivali in condizioni difficili, come avvenuto in qualifica, grazie anche alla capacità della RB18 di scaldare subito le gomme. Ora andremo a scoprire le novità tecniche introdotte per il Gran Premio di Gran Bretagna.

Red Bull, ecco gli aggiornamenti per Silverstone

La Red Bull non delude mai le aspettative. Ogni qualvolta in cui si parla di un cospicuo pacchetto di sviluppi, essi, puntualmente, sono ben visibili anche ad occhio nudo. I cambiamenti più importanti sono situati al posteriore, in particolare, nella parte bassa del cofano motore ed in quella terminale delle pance laterali.

L’obiettivo principale è quello di raffreddare al meglio ed evitare problemi di temperature, che in questa stagione si sono verificati in diverse occasioni. Si vuole migliorare il flusso attraverso il passaggio nella zona dei radiatori, con una nuova uscita che ha una forma molto diversa rispetto alla versione utilizzata sino a Montreal.

L’obiettivo è quello di trovare una maggiore efficienza dal posteriore della monoposto. Dopo l’Halo si crea una sorta di marciapiede, con l’obiettivo di portare ad una sorta di snellimento del corpo vettura. Ricordiamo che da Silverstone, la Red Bull dovrebbe perdere ancora qualche chilo rispetto ai 4 kg eliminati ad Imola, con un incremento prestazionale previsto attorno ai 2-3 decimi.

Tornerà sicuramente in voga il discorso Budget Cup, visto che il team di Milton Keynes continua a sviluppare senza sosta questa monoposto, cambiata già diverse volte rispetto alla versione iniziale. Non dimentichiamo, infatti, che anche nel corso dei test in Bahrain era stato portato un grosso step evolutivo, che aveva coinvolto uno snellimento della parte finale dei sidepod.

Adrian Newey intende dare a Max Verstappen e Sergio Perez la macchina perfetta, limitando i piccoli difetti che sin qui non sono stati ancora scalfiti. Un peso minore permette all’auto di trovare un miglior bilanciamento ed una gestione gomme ottimale, per dare la mazzata finale alla Ferrari proprio qui a Silverstone.