Valentino Rossi, molto male in Olanda: ecco cosa manca al “Dottore”

Per Valentino Rossi non c’è vita facile nel Fanatec GT World Challenge, dove commette ancora troppi errori. Ecco le parole del #46.

Si fa dura per Valentino Rossi nella sua avventura nel Fanatec GT World Challenge. Anche il fine settimana di Zanvoort è stato da dimenticare, e ricordiamo che il “Dottore” guida per la squadra più vincente e competitiva nella storia di questo campionato, vale a dire il team WRT, vale a dire quello semi-ufficiale di Audi Sport.

Valentino Rossi (ANSA)
Valentino Rossi (ANSA)

Il rapporto con la R8 LMS continua ad essere complicato e gli errori stanno iniziando a diventare troppi. Nella prima sessione di prove libere del venerdì, il nove volte campione del mondo del Motomondiale è finito a muro dopo soli tre giri, danneggiando la vettura e perdendo del tempo prezioso per preparare al meglio il set-up.

La qualifica è stata infatti molto negativa e Valentino Rossi ha preso il via dal fondo dello schieramento per Gara 1, girandosi poi nelle prime fasi di corsa. Il pilota di Tavullia era ventesimo in quel momento, ma è saltato troppo forte su un cordolo interno mentre attaccava la Porsche #54 del Dinamic Motorsport guidata da Adrien De Leener.

Vale ha poi ceduto la vettura a Frédéric Vervisch, che ha fatto quel che poteva risalendo sino al quindicesimo posto finale. Le cose non sono migliorate troppo alla domenica, dove proprio Vervisch è stato vittima di un contatto nelle prime fasi di gara, cedendo poi la macchina al compagno di team che ha concluso sedicesimo, subendo due sorpassi proprio nel corso del suo stint, dove ha preferito evitare errori piuttosto che attaccare eccessivamente.

Va detto che la pista di Zandvoort non è di certo la più facile per uno che è alle prime armi nella categoria, ma anche a Brands-Hatch e Magny-Cours si erano accumulati diversi errori. Il team WRT sta mettendo a disposizione del “Dottore” tutti i mezzi necessari, ma è chiaro che ci vorrà tempo e pazienza per vederlo esprimersi al massimo. La 24 ore di Spa che vivremo il prossimo mese sarà un bel banco di prova.

Valentino Rossi, ecco le sue parole dopo Zandvoort

Il fine settimana di Valentino Rossi è stato molto complesso, ed un quindicesimo ed un sedicesimo posto non possono essere considerati risultati soddisfacenti. Al termine del week-end, il “Dottore” ha raccontato quelle che sono state le sue sensazioni alla stampa, non nascondendo il proprio rammarico.

Già venerdì è stata una giornata molto complicata, purtroppo Zandvoort è una pista bellissima, ma anche difficile. Nelle prove libere, appena sono uscito, ho sbattuto rovinando la sospensione e quindi la sessione da novanta minuti è andata completamente in fumo per noi“.

Valentino Rossi non cerca scuse: “Peccato perché era molto importante girare e fare esperienza comunque nel pomeriggio ho cercato di recuperare il lavoro e tutto sommato ci siamo riusciti. Ho faticato a controllare la vettura e ho commesso un altro paio di errori, dunque giornata molto dura“.

E’ sempre difficile partire da dietro e su questa pista è difficile superare, poi sono riuscito ad avere un buon passo, ma alla curva 8 ho fatto un errore e ho perso tanto. Sapevo che questo fine settimana sarebbe stato molto difficile per me, mentre commettere errori è al contrario molto facile. Nel secondo stint Fred ha fatto benissimo, recuperando tante posizioni. Alla fine è arrivato un quindicesimo posto“.

Anche se il fine settimana è stato molto difficile, ammetto che mi aspettavo di fare meglio perché nei test invernali eravamo andati bene e avevo avuto buon sensazioni. Il passo era buono verso la fine della gara, ma non abbastanza per stare tra le prime dieci posizioni, dunque speriamo di riuscire a fare qualche cosa di meglio la prossima volta. Devo girare tanto ed imparare, ma so che è complicato fare tutto e subito“.