MotoGP Germania, Warm-up: Martin vola, stupisce la KTM con Oliveira

Giornata di gara per la MotoGP al Sachsenring, dove si è appena concluso il Warm-up con il miglior tempo di Jorge Martin.

Risultati sorprendenti per il Warm-up della MotoGP, dove ha guidato il gruppo Jorge Martin con la Ducati del team Pramac. Lo spagnolo ha girato in 1’21”264, staccando di 177 millesimi l’ottima KTM con Miguel Oliveira, apparsa molto competitiva ed equilibrata sulla tortuosa pista tedesca, dove si corre oggi pomeriggio il Gran Premio di Germania.

MotoGP Jorge Martin (ANSA)
MotoGP Jorge Martin (ANSA)

Il terzo tempo è dell’onnipresente Aleix Espargaró con l’Aprilia, che non vuole assolutamente mollare il colpo e che si è messo davanti alla Ducati di Marco Bezzecchi. Quinto Maverick Vinales sull’altra RS-GP, che una volta tanto è stato in grado di avvicinarsi al compagno di squadra.

Tra i big si registra il sesto tempo di Jack Miller con la prima Desmosedici ufficiale, seguito da Brad Binder con l’altra KTM. L’ottava piazza è di Enea Bastianini, che continua a faticare e che sarà costretto a partire da lontanissimo. La Suzuki di Joan Mir e la Yamaha di Fabio Quartararo hanno completato la top ten.

Il campione del mondo della MotoGP si è tenuto dietro Pecco Bagnaia, ma c’è la sensazione che la gara di oggi vivrà sulla sfida tra questi due, che hanno le carte in regola per fare il vuoto come a Jerez de la Frontera se non ci saranno problemi alla partenza. Dodicesimo Pol Espargaró con la prima Honda ufficiale, vale a dire il team che qui domina costantemente da oltre un decennio.

Segue Franco Morbidelli, immerso nella crisi tecnica della Yamaha dalla quale solo il fenomenale Quartararo riesce ad emergere con costanza. Tredicesimo il buon Luca Marini, comunque protagonista di una gran qualifica ieri e molto fiducioso in vista di oggi pomeriggio. Alle sue spalle ci sono tutti gli altri, con Fabio Di Giannantonio diciottesimo dietro a Johann Zarco, vittima di una caduta nei minuti finali.

MotoGP, Martin domina la scena

La MotoGP è pronta per regalare spettacolo in terra tedesca, dove si disputerà il Gran Premio di Germania sul tracciato del Sachsenring. Il Warm-up è l’ultima occasione per i piloti di provare la moto e vedere che tutto sia perfettamente al proprio posto, simulando anche il passo gara.

Nei primi giri si mette davanti Enea Bastianini con la Ducati del Gresini Racing, che oggi dovrà cercare la rimonta dopo una qualifica tremenda. Il rider riminese sembra entrato in crisi di risultati, non riuscendo più a performanre come ci aveva abituato nei primi appuntamenti.

Enea è l’unico ad aver vinto tre gare in questa stagione della MotoGP, essendosi imposto a Losail, Austin e Le Mans. Da quel momento in poi, qualcosa è cambiato, ed anche il ritardo nel mondiale dalla Yamaha di Fabio Quartararo è lievitato. Dopo un buon inizio, Enea inizia a perdere posizioni, con la KTM di Miguel Oliveira che appare davvero ben messa ponendosi davanti a tutti.

Molto in forma Jorge Martin, su una Ducati del team Pramac che negli ultimi appuntamenti ha decisamente cambiato pelle, come confermato dal doppio podio del Gran Premio della Catalogna. Lo spagnolo vuole giocarsi le sue possibilità di affiancare Pecco Bagnaia nel team ufficiale il prossimo anno, e visto la crisi di Bastianini nulla è scontato.

I piloti cercano di capire quale gomme andrà utilizzata in gara, ricordando uno dei fattori che potrà fare una grande differenza, vale a dire il caldo. Le alte temperature non hanno permesso ai piloti di migliorare, nel corso delle qualifiche, quelli che erano i tempi delle penultime libere, a causa di un asfalto davvero rovente.

Jack Miller è stato uno delle delusioni della qualifica, e dovrà partire soltanto dalla sesta posizione. L’australiano prova a mettersi in ritmo ma durante un giro lanciato trova molto traffico, venendo rallentato anche da Johann Zarco all’ultima curva. Davvero eccellente il passo di Martin, che si mantiene su un passo molto costante e difficilmente eguagliabile per la concorrenza, almeno sin quando non si scalda Fabio Quartararo.

Il campione del mondo non cerca il miglior tempo, ma resta uno dei più accreditati in chiave gara, specialmente per il passo mostrato nelle ultime libere. “El Diablo” appare uno dei pochissimi in grado di dar battaglia a Bagnaia, e la partenza dalla prima fila non può che dargli un boost importante.

Miller continua a volare nei primi due settori, così come Quartararo, mentre entrambi vanno in crisi nella seconda parte della pista, quella con i curvoni veloci. Cade intanto Zarco alla Curva 13, costringendo tutti coloro che lo seguivano ad alzare il piede senza poter migliorare.

Le immagini si ricordano anche delle Yamaha WithU con Andrea Dovizioso e Darryn Binder, purtroppo in fondo alla classifica e troppo lontani dai primi per pensare di giocarsi qualcosa di importante. Nel finale la situazione di classifica non cambia, con Martin che mantiene il primato davanti ad Oliveira. Alle 14 la partenza della gara.