F1, Lewis Hamilton amareggiato: non ci sta capendo niente

Il pluricampione della Mercedes, Lewis Hamilton, ha siglato il sedicesimo tempo nelle qualifiche del Gran Premio di Arabia Saudita, seconda prova del mondiale F1 2022.

Una delusione cocente per Lewis in un weekend difficilissimo. Sono ore molto concitate in Arabia Saudita per l’attentato all’impianto petrolifero Aramco accaduto ieri a pochi chilometri dal tracciato dove i piloti di F1 sono impegnati. Gli attacchi sono avvenuti, quando i piloti erano in pista nelle prove libere 1, attraverso dei droni lanciati da ribelli yemeniti. Nonostante i rischi connessi all’attacco, gli organi della Formula 1 hanno deciso di proseguire regolarmente con lo svolgimento del weekend.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Foto LaPresse)

Lewis Hamilton ha chiuso le qualifiche al sedicesimo posto, palesando i problemi che hanno afflitto la Mercedes W13 anche nella prima prova del Mondiale. L’inizio di stagione ha messo in luce l’azzardo della Mercedes che ha presentato una vettura con soluzioni tecniche estreme che, per ora, non hanno pagato. Il sette volte campione del mondo ha colto, comunque, un terzo posto in Bahrain, ma grazie al doppio ritiro delle Red Bull Racing motorizzate Honda.

l vincitore di 103 Gran Premi, l’unico nella storia in tripla cifra, e 103 pole position si era immaginato in modo molto diverso l’anno della rivincita. Dopo la cocente delusione di Abu Dhabi, Lewis dovrà inseguire RB e Ferrari. Il porpoising sta limitando il potenziale della Mercedes W13. Il campione ha lamentato di una condizione tecnica molto complicata, dato che gli ingegneri non hanno ancora trovato la soluzione definitiva a tutti i problemi dell’auto ad effetto suolo.

Le parole di Lewis Hamilton

Il pilota della Mercedes ha dichiarato a Sky: “Non mi sentivo proprio la macchina sotto oggi nella sessione di qualifica, in prova era andata abbastanza bene, però non capisco. Era difficile da guidare tutta d’un tratto rispetto a prima. È difficile da dire se ci manca la potenza nel motore, stava andando bene nelle sessioni precedenti. Gli altri ci hanno ripreso, ma non so quanto dipenda dalla resistenza all’avanzamento o della potenza del motore”.

Per Hamilton la stagione è iniziata veramente in salita sul piano tecnico. Domani dovrà provare a rimontare dalle retrovie. L’esclusione in Q1 è una sorpresa anche per i tecnici della Mercedes che avevano previsto un setup molto simile tra i due piloti della Stella. George Russell non ha avuto problemi a qualificarsi. Una esclusione che fa rumore. Il distacco dal giovane compagno di squadra, a parità di gomma, è enorme: circa sette decimi.

A questo punto il sette volte campione del mondo potrebbe partire dalla pit lane per rivoltare la W13. Lewis ha fatto fatica a gestire una vettura nervosa. E’ come se il campione non avesse feeling e stentasse ad ogni inserimento in curva. Lewis ha parlato di problemi di bilanciamento.

Mara Sangiorgio di Sky, a quel punto, ha chiesto al sette volte campione del mondo se questo è uno dei momenti peggiori della sua carriera. “A livello personale ne ho avuti di peggiori”, ha risposto l’inglese. Hamilton ha osservato anche il botto di Mick Schumacher in TV e ha aggiunto: “spero stia bene”. Il pilota tedesco della Haas per fortuna è cosciente e fisicamente sta bene.