Hamilton, che disastro: notizia che lascia sbigottiti in Arabia Saudita

Lewis Hamilton è rimasto escluso dal Q1 nelle qualifiche di Jeddah. Il sette volte iridato ha faticato per tutto il fine settimana qui.

In Arabia Saudita è arrivato un colpo di scena clamoroso nel corso delle seconde qualifiche stagionali. Lewis Hamilton è rimasto incredibilmente escluso nel Q1, facendo segnare il sedicesimo tempo sul tracciato di Jeddah. Il sette volte campione del mondo, senza penalizzazioni o altri problemi, non restava fuori dai primi 15 dal GP di Gran Bretagna 2009.

Lewis Hamilton (Ansa Foto)
Lewis Hamilton (Ansa Foto)

Il britannico ha lottato con la propria Mercedes per tutto questo fine settimana, faticando a trovare il giusto ritmo al contrario di George Russell. Il nuovo compagno di squadra del nativo di Stevenage non ha di certo il passo per puntare alla pole position, ma ha tranquillamente avuto accesso sia al Q2 che poi al Q3.

Hamilton non riusciva a trovare il corretto bilanciamento, a causa di una vettura molto nervosa e difficile da controllare nei tratti guidati. A questo si aggiungono anche delle velocità di punta estremamente basse, imparagonabili anche a quelle dello stesso Russell che si è dimostrato in netta crescita rispetto al Bahrain.

Hamilton, disastrosa qualifica in Arabia Saudita

Lewis Hamilton è rimasto escluso dal Q1, per la prima volta dal Gran Premio di Gran Bretagna del 2009 se escludiamo le penalizzazioni per motivi di power unit. All’epoca, il sette volte campione del mondo ebbe a che fare con una McLaren da incubo, subito dopo la vittoria del titolo mondiale del 2008.

Situazione molto difficile in casa Mercedes, che qualche mese fa qui fece doppietta in qualifica per poi vincere in gara. Al termine della sua qualifica, Lewis ha parlato ai microfoni di “SKY Sport F1“: “Non capisco cosa sia successo, la macchina era molto difficile da guidare, ma è nettamente peggiorata rispetto alla mattinata. Manca potenza al motore? Difficile dirlo, nelle libere andava bene, poi gli altri ci hanno ripreso“.

Hamilton non crede che sia tutta colpa della power unit: “Questo è un brutto momento, ma ne ho avuti di peggiori nel passato. Non credo sia tutto legato al motore, ma forse anche di resistenza all’avanzamento. Dobbiamo capire cosa sta succedendo e cercare di migliorare sin da subito“.

Lewis ha avuto anche un pensiero per Mick Schumacher, vittima di un terrificante incidente durante il Q2 con la sua Haas: “Spero che stia bene, è stato un impatto molto brutto“. Poco dopo, fortunatamente, è arrivata la notizia rassicurante che parlava del tedesco cosciente e non in pericolo di gravi conseguenze.