Quartararo spaventa la Yamaha: il messaggio sul futuro è eloquente

Quartararo sul futuro conferma che è tutto aperto, la Yamaha non può essere affatto tranquilla sul rinnovo del contratto.

Fabio Quartararo si aspettava una M1 migliore rispetto a quella guidata prima in Malesia e poi in Indonesia. Aveva chiesto alla Yamaha upgrade precisi dopo l’ultimo test del 2021 a Jerez, ma non è stato accontentato.

Quartararo
Fabio Quartararo (GettyImages)

Il campione in carica della MotoGP è comunque forte sulla moto di Iwata, ma solamente le gare diranno se potrà nuovamente giocarsi il titolo. Di certo gli farebbe comodo avere un po’ di potenza in più nel motore, storico punto debole della M1. Invece, deve adattarsi e dare il meglio con il pacchetto che ha.

La Yamaha rimane competitiva nelle parti guidate, lì dove il francese ha fatto una grande differenza nel 2021 e dove spera di farla ancora quest’anno. In rettilineo ci sarà da soffrire, però se il team riuscirà a fare qualche passo avanti almeno sull’accelerazione la sofferenza potrebbe essere un po’ minore nel complesso.

Marquez è già tornato, la MotoGP trema: i dati sono inequivocabili

MotoGP, Quartararo avvisa la Yamaha: il futuro è da decidere

Quartararo dopo due giorni di test al Mandalika International Street Circuit in Indonesia ha il quarto tempo assoluto. Non è certamente in una situazione tragica, però sente di non avere le garanzie che si aspettava per il nuovo assalto al titolo nel campionato MotoGP 2022.

Conclusa la seconda giornata di prove sull’isola di Lombok, il rider transalpino ha lanciato una nuova frecciata alla Yamaha e si è anche espresso sul suo futuro: “Ovviamente mi aspettavo un miglioramento maggiore della moto – riporta Motorsport.com – e questo fa sì che il mio futuro rimanga aperto. Devo valutare l’opzione migliore per me”.

Quartararo conferma che si sta guardando attorno per capire quale sia la scelta più adatta per il suo futuro in MotoGP. Spesso si è parlato di un interessamento della Honda, che ha la forza economica per fargli offerta ma che sembra voler prima valutare Pol Espargarò.

Il pilota spagnolo dovrebbe avere la chance di dimostrare se merita o meno la conferma nel team Repsol. Solo dopo alcuni gran premi la Honda deciderà se puntare ancora su di lui oppure ingaggiare un altro compagno per Marc Marquez.

Bisognerà pure vedere se in HRC, eventualmente, avranno il coraggio di affiancare a Marquez un altro campione e andare così incontro al rischio di avere “due galli nel pollaio”. Può non essere semplice gestire due piloti di altissimo livello che lottano per lo stesso obiettivo.

Joan Mir lascia la Suzuki? Ecco quando arriverà la decisione

Chi ha da perdere tanto è comunque la Yamaha, che in caso di addio di Quartararo si ritroverebbe con un problema enorme. La casa di Iwata deve sforzarsi per tenere il francese anche nel prossimo biennio MotoGP.