Valentino Rossi, nuovo retroscena sulla Ferrari: nessuno riesce a crederci

Negli anni Duemila, Valentino Rossi fu molto vicino al debutto in F1 con la Ferrari, ma prima della Rossa, ci fu anche un’altra possibilità.

La F1 e la MotoGP sono le categorie di riferimento per ciò che riguarda il motorsport a quattro ed a due ruote, ed i migliori piloti del mondo competono in queste discipline. Nel corso della storia del Circus e del Motomondiale, solamente John Surtees è riuscito a diventare campione del mondo in entrambi, vincendo tantissimi mondiali sulle due ruote, per poi diventare iridato anche tra le auto nel 1964, al volante della Ferrari del team NART, con la quale scrisse una pagina di storia del mondo delle corse.

F1 Valentino Rossi e la Minardi
F1 Valentino Rossi che occasione (ANSA) – Tuttomotoriweb.it

In molti, meno di vent’anni fa, hanno sognato che una cosa del genere la potesse fare anche Valentino Rossi, nove volte iridato nel Motomondiale, che era sembrato molto vicino all’arrivo in F1. Ai tempi del suo dominio in MotoGP, alla metà degli anni Duemila, iniziò una serie di test con la Ferrari, che di certo era ben messa all’epoca, soprattutto rispetto ad oggi.

Al contrario di quanti scettici potessero pensare, Valentino Rossi andrò molto forte nei test sulle auto del Cavallino, a tal punto che si pensò di farlo debuttare nel mondiale. All’epoca, Luca Cordero di Montezemolo lottava per far ammettere una terza macchina, cosa che poi non andò a buon fine, ma il “Dottore” aveva già deciso di proseguire nelle moto. Eppure, non sarebbe mancata un’altra possibilità.

F1, Valentino Rossi e quell’occasione con la Minardi

Parlando al podcast di Gianluca Gazzoli, Valentino Rossi ha fatto riferimento alla possibilità di correre con la Minardi, che nel 2006 sarebbe diventata Toro Rosso dopo l’acquisizione da parte della Red Bull. Il pilota di Tavullia ha ricordato con piacere i test con la Ferrari ed i buoni risultati che portò a casa, ma poi ha spiegato come tutto saltò per sua scelta.

Minardi per Valentino Rossi
Minardi in azione (LaPresse) – Tuttomotoriweb.it

Ecco le sue parole: “Andai a Fiorano per provare la macchina, ricordo di essere stato molto veloce e di aver girato sotto al muro del 59”1. Ricordo che i meccanici si misero a scommettere sul fatto che sarei riuscito o meno a scendere sotto al minuto, alla fine vinsi io. Poi, dopo quel test ne feci un altro al Mugello, poi uno vero e proprio, con tante altre auto, a Valencia, e lì dovetti scegliere, perché ci fu la possibilità di correre con la Minardi, la squadra B. Se avessi accettato e se fossi andato forte, l’obiettivo era quello di crescere per poi arrivare, un giorno, a correre con la Ferrari“.

Valentino Rossi decise però di abbandonare l’idea della F1, concentrandosi sulle due ruote: “Avevo solo 27 anni, sapevo di poter vincere ancora qualche titolo in più e di potermi togliere diverse soddisfazioni dal mondo del motociclismo, per me la moto è sempre stata la cosa migliore, anche se è rimasta la curiosità di scoprire cosa avrei potuto fare. Tuttavia, dopo quella vicenda ho vinto altri due titoli mondiali e molte gare iconiche, per cui, continuare sulle due ruote è stata la scelta più corretta“.

 

Impostazioni privacy