Verstappen continuerà a dominare? La profezia di Schumacher spiazza

L’ex pilota tedesco si è sbilanciato in una previsione audace sul campione del mondo della Red Bull Racing Max Verstappen. Ecco come stanno le cose in F1.

Max Verstappen è stato l’autentico dominatore del campionato 2022. Il figlio d’arte di Jos era partito male, ritirandosi in due delle prime tre tappe. In Bahrain e in Australia era stato fermato da problemi tecnici, ma già sul rapidissimo tracciato di Jeddah aveva fatto la differenza, piegando la resistenza di Charles Leclerc. Dalla quarta tappa in poi l’olandese ha spiccato il volo, inanellando vittorie in rapida successione.

Max Verstappen Red Bull F1 (Ansa Foto)
Max Verstappen Red Bull F1 (Ansa Foto)

Max ha conquistato, matematicamente, il titolo, in Giappone. Nel 2022 ha avuto un percorso alla Hamilton dei tempi migliori, riuscendo ad ottenere ben 15 vittorie più Sprint Race. Michael Schumacher e Sebastian Vettel, nelle loro annate record, si erano fermati a 13. Al di là dei calendari dilatati, i risultati sono stati meritati. Il team austriaco si è confermato il migliore, riuscendo a conquistare la bellezza di 17 appuntamenti. A Monaco e Singapore è stato Perez il protagonista assoluto, beffando i ferraristi. I numeri, tra l’altro, non raccontano tutto. La stagione per il nativo di Hasselt era iniziata con più di un patema ed un gap da Leclerc di 46 punti.

Il monegasco, nell’arco della stagione, ha commesso qualche errore alla guida, ma i principali problemi sono derivati dalla gestione del team e dalle avarie tecniche dell’auto ad effetto suolo modenese. In diverse occasioni il #16 è stato lasciato a piedi, rendendo più facile la rimonta del rivale alla corona. Nel finale di stagione il monegasco è passato dal battagliare con il #33, oggi numero 1 della griglia, al secondo pilota della Red Bull Racing. Il monegasco, infatti, ha chiuso con soli 3 punti di vantaggio su Sergio Perez. Verstappen ha lasciato solo le briciole, dopo aver sudato tantissimo nel 2021 nella sfida con Lewis Hamilton.

In quel caso l’olandese approfittò, nel caotico finale di Abu Dhabi, di un clamoroso errore della direzione gara della FIA per issarsi sul tetto del mondo. Il finale al cardiopalma rimarrà nella storia del circus, a prescindere dalle polemiche scaturite per la scelta di Michael Masi. Verstappen da allora è maturato tantissimo, dimostrando di essere diventato un vero numero 1. Nella testa e nel carattere il campione della RB è riuscito a fare quel click che, solitamente, sopraggiunge solo quando un pilota ottiene il titolo mondiale.

Max Verstappen, ecco la profezia sul suo conto

L’olandese ha dichiarato, in più di una occasione, che avrebbe desiderato continuare a vincere, ma non sarebbe arrivato all’età in pista di Hamilton o Alonso. Nonostante la stima per lo spagnolo, il campione del mondo della Red Bull Racing non vorrebbe continuare per altri 15 anni nel circus. Il venticinquenne ha avuto poca opposizione nel 2022. Nella prossima stagione la Ferrari e la Mercedes potrebbero tornare in lotta per la corona iridata. Lewis Hamilton proverà a mettere i bastoni tra le ruote al campione olandese, volendosi riprendere la sua piazza d’onore.

In una intervista riportata da GPBlog Ralf Schumacher ha dichiarato: “Con Max mi pongo una domanda diversa: quanto vuole ancora stare in Formula 1? Lui ha già fatto sapere alcune volte che non vuole guidare per altri dieci anni. Non mi dispiacerebbe che a un certo dicesse: ‘Ciao, basta. Me ne vado!’”. Max in questo momento può aprire un ciclo di vittorie clamoroso, al volante delle auto ad effetto suolo austriache. Secondo il 47enne tedesco, il calendario prolungato, potrebbe inficiare con la decisione del ragazzo olandese.

“Anche se ai miei tempi avevamo meno gare, era già troppo per me alla fine della mia carriera. Dopotutto, non devi dimenticare una cosa: tutta la tua vita è basata sulla Formula 1, a partire da quando ti alzi e finisce quando vai a dormire”, ha ricordato il fratello di Michael Schumacher. Il toro della Red Bull Racing, inoltre, vorrebbe diventare padre e farsi una bella famiglia con la sua compagna Kelly Piquet.

Max Verstappen ha affermato, in diverse interviste, che la sua vita è qualcosa di più della F1. Vi sono piloti che hanno altri programmi o che vogliono correre altre gare in diverse categorie del Motorsport. E’ il caso dell’ultimo campione del mondo della Ferrari, Kimi Raikkonen, che si ritirò dopo il riconoscimento iridato per percorrere altre strade. Forse se “Kimi fosse stato più disciplinato, avrebbe ottenuto molto di più”, ha sentenziato Ralf Schumacher. Di sicuro il talento di Ice-man era sconfinato ma lo stile di vita per un atleta di oggi è tutto.

La Red Bull straccia la Mercedes? Il tecnico spiega il “miracolo”. Date una occhiata anche a: Red Bull la butta sul tragico per il 2023: gli avversari sperano? Kimi amava organizzare feste tra i fine settimana dei Gran Premi e non rinunciare ai piaceri della vita. Oggi gli sportivi, in generale, sono sottoposti ad uno stress pesante sul piano fisico e mentale se vogliono arrivare al top e rimanerci per molti anni.