F1, Leclerc andava penalizzato in qualifica? C’è un giallo clamoroso

Charles Leclerc ha staccato la 17esima pole position in F1 a Monza, ma nelle ultime ore è scoppiato un giallo. Ecco cosa è successo.

Il Gran Premio d’Italia scatterà con la Ferrari di Charles Leclerc davanti a tutti, per la 17esima volta nella sua carriera in F1. Il monegasco, girando in 1’20”161, ha eguagliato il record di otto partenze al palo in una stagione al volante di una Rossa, detenuto sin qui da Michael Schumacher, che raggiunse questo numero nel 2004.

F1 Charles Leclerc (ANSA)
F1 Charles Leclerc (ANSA)

Il confronto in gara parla da solo, visto che il Kaiser di Kerpen portò a casa tredici vittorie, dieci in più rispetto a Charles. La Ferrari ha rischiato il tutto per tutto, come ammesso anche da Laurent Mekies, in termini di assetto, puntando su un’ala posteriore molto scarica che ha garantito delle ottime velocità di punta.

La Red Bull e Max Verstappen sono stati superiori per tutto il week-end nel tratto centrale, ma nel giro decisivo Leclerc è arrivato a pochissimi millesimi dal campione del mondo della F1, chiudendo con oltre un decimo di vantaggio. Il figlio di Jos ha rischiato di fare il colpaccio, a bordo di una RB18 oggettivamente inferiore sul giro secco, con Sergio Perez che si è preso un secondo dal battistrada.

Dopo ore di attesa, la FIA ha diramato l’ordine di partenza della gara odierna, con Leclerc che avrà al suo fianco la Mercedes di George Russell, seguita dalla McLaren di Lando Norris. Su questo non c’era dubbi sin dal post-qualifica, mentre il giallo riguardava Verstappen, che alla fine scatterà dalla settima piazza.

Davanti a lui, l’iridato si ritroverà anche Daniel Ricciardo, che completerà una seconda fila tutta targata McLaren, l’AlphaTauri di Pierre Gasly e l’Alpine di Fernando Alonso. Perez sarà al via dal tredicesimo posto, mentre Carlos Sainz scatterà dalla diciottesima casella, subito davanti a Lewis Hamilton, sempre che non decidano di piazzarsi in pit-lane.

F1, Leclerc poteva essere penalizzato in qualifica

Poche ore dopo la fine della qualifiche del GP d’Italia di F1, sui social è montato una sorta di giallo, che riguarda proprio il poleman Charles Leclerc. Il tutto è relativo al Q1, con il monegasco che è stato protagonista di una leggera uscita alla seconda curva di Lesmo. Nella prima sessione di qualifica, l’autore della pole position ha fatto registrare solo un tempo, un 1’22”180, attorno al quale si è creato un alone di mistero.

Dando un’occhiata alle immagini, tra cui il fotogramma che abbiamo postato in basso, pare infatti che tutte le quattro gomme siano all’esterno della linea bianca, cosa che, solitamente, porta all’immediata cancellazione dei tempi. In quella curva in particolare, sono state annullate le prestazioni a Lando Norris, Fernando Alonso e Kevin Magnussen, proprio per abuso di track limits.

La sensazione, che giustifica anche la mancata investigazione da parte dei commissari di gara, è che con l’anteriore destra il monegasco abbia pizzicato la linea bianca, anche se dall’immagine che potrete vedere in seguito la cosa è davvero impercettibile. La F1 è diventata molto severa sui limiti della pista negli ultimi anni, e la cosa è destinata a creare caos e polemiche.

Sergio Perez ha visto la propria qualifica compromessa in Austria proprio per l’eccesso di track limits, ed a Monza anche Nyck De Vries ha rischiato tantissimo. L’olandese, chiamato dalla Williams in sostituzione di Alexander Albon, è riuscito a qualificarsi al Q2, ma il suo miglior crono è stato cancellato per essere arrivato largo all’Ascari.

Il campione della Formula è così retrocesso quindicesimo nella Q1, riuscendo però a passare il taglio con il tempo che aveva ottenuto in precedenza, che gli ha permesso di tenere dietro Nicholas Latifi per appena 8 millesimi. I limiti della pista stanno davvero aggiungendo problematiche che sarebbero facilmente evitabili, dal momento che in questi casi non si guadagna praticamente nulla a finire larghi.