Russell “fa fuori” la Ferrari: ci sono occhi solo per la Red Bull

George Russell spera di poter proseguire la sua stagione positiva anche a Monza, dove la Mercedes è un’incognita. Ecco le sue parole.

Il Gran Premio d’Italia vede George Russell partire nel ruolo di sfidante della Red Bull. Il britannico viene da un fantastico secondo posto conquistato a Zandvoort, ed ha ormai nel mirino la piazza d’onore anche nel mondiale. Con 188 punti, l’alfiere della Mercedes ha ormai allungato su Carlos Sainz e Lewis Hamilton, e paga soltanto 13 lunghezze da Charles Leclerc e Sergio Perez.

Russell (ANSA)
Russell (ANSA)

L’ex pilota della Williams arriva davanti al monegasco da ben quattro gare consecutive, e week-end dopo week-end ha quasi chiuso il gap in graduatoria generale. Davvero impressionante pensare al fatto che George ha chiuso in top five tutte le gare di questa stagione, fatta eccezione per Silverstone dove è rimasto coinvolto nell’incidente della partenza.

Russell è consapevole del fatto che la Red Bull e Max Verstappen partiranno nella posizione di grandi favoriti, con la RB18 che potrebbe riproporre il dominio già messo in mostra a Spa-Francorchamps due settimane fa. Tuttavia, il team di Brackley è in continua crescita, anche se domenica dovrà giocare ad una sola punta.

Lewis Hamilton scatterà infatti dal fondo della griglia per aver deliberato la quarta power unit stagionale. Il terzo motore, montato in Belgio, non è più utilizzabile dopo l’incidente del primo giro con l’Alpine di Fernando Alonso, che aveva costretto Sir Lewis al primo ritiro di questa stagione.

A Zandvoort era stata montata la seconda unità sulla Mercedes del sette volte campione del mondo, dal momento che il tracciato olandese non uno di quelli dove la potenza conta maggiormente. A Monza, Hamilton sarà chiamato ad una grande rimonta, su una pista dove le frecce d’argento non vincono dal 2018, quasi un record negativo considerando i trionfi dell’era ibrida conquistati dagli uomini di Toto Wolff.

Russell, ecco le sue parole nel giovedì di Monza

George Russell è apparso piuttosto rilassato nel giovedì di Monza, il classico media day dedicato alla conferenza stampa ed all’incontro tra piloti e giornalisti. Tra poche ore andranno in scena le prime prove libere, e la Mercedes rappresenta una vera e propria incognita.

Infatti, quest’anno è accaduto diverse volte che la freccia d’argento sorprendesse in positivo su tracciati che le sarebbero dovuti essere ostici, ma spesso e volentieri è accaduto anche l’esatto opposto. Dunque, per capire quello che sarà il livello del team di Brackley sui rettilinei di Monza occorrerà attendere il riscontro dei cronometri.

Russell ha aperto il proprio week-end rilasciando un’intervista a “SKY Sports F1 UK“, raccontando le sue prime sensazioni: “Devo dire che mi attendo un fine settimana interessante a Monza, voglio capire dove potremo essere a livello di potenziale. La nostra macchina ha dei pregi e dei difetti, ma questo è un discorso che riguarda praticamente tutte le squadre. La Red Bull è fortissima su ogni tipo di pista, sono i favoriti e dobbiamo cercare di dargli fastidio. Cercheremo di avvicinarci in qualche modo“.

Dobbiamo essere felici di quello che abbiamo fatto sino ad ora, siamo migliorati tantissimo soprattutto sul fronte del passo gara. Ma dobbiamo continuare a spingere, pensiamo ad esempio alla Red Bull. Sono in grado di vincere anche su delle piste che non dovrebbero adattarsi alla loro vettura, davvero notevole come cosa“.

George ha poi concluso parlando della stranezza di questa vettura, che è davvero difficile da capire per piloti ed ingegneri, ma anche affrontando il discorso degli obiettivi che si è posto per il fine settimana brianzolo. Ecco cosa ne pensa: “Dobbiamo ancora capire molti dettagli della nostra macchina se guardiamo a noi, ad esempio il motivo per il quale siamo andati male in Belgio e molto meglio in Olanda. Se ho un obiettivo? Cercare di fare il massimo, Lewis partirà in fondo per via della penalità, io darò tutto come sempre“.