MotoGP, brutta notizia per Bagnaia: la rincorsa al mondiale si complica?

Pecco Bagnaia ha subito una vera e propria doccia fredda dopo le libere della MotoGP a Misano. Ecco cosa sta accadendo.

La MotoGP è di scena a Misano in questo fine settimana, dove proseguirà la battaglia a tre per il mondiale tra Fabio Quartararo, Aleix Espargaró e Pecco Bagnaia. Il campione del mondo in carica vanta 32 punti di vantaggio sull’Aprilia del nativo di Granollers, mentre il rider torinese è attardato di 44 lunghezze, anche se nelle ultime tre gare ha davvero fatto il bello ed il cattivo tempo.

MotoGP Pecco Bagnaia (Bonora Agency)
MotoGP Pecco Bagnaia (Bonora Agency)

L’alfiere della Ducati viene infatti da tre successi consecutivi, ottenuti ad Assen, Silverstone e Red Bull Ring. Tutto ciò gli ha permesso di dimezzare il gap in classifica da Quartararo, che dopo la caduta in Germania era arrivato quasi a toccare i 100 punti. La prestazione del campione del mondo della MotoGP in Austria è però stata straordinaria, limitando i danni con una fantastica seconda posizione.

Con un altro giro, Fabio avrebbe probabilmente scavalcato Bagnaia, e questa non è una grande notizia per la casa di Borgo Panigale visto che quella di Spielberg è sempre stata la pista delle Desmosedici, sin dalla vittoria di Andrea Iannone del 2016. Le prime libere di Misano hanno subito visto Quartararo dominare, con le Ducati di Jack Miller e quella della wild card Michele Pirro all’inseguimento in seconda e terza posizione.

MotoGP, penalizzato Bagnaia in vista della gara

Una vera e propria batosta ha colpito Pecco Bagnaia al termine delle prime prove libere della MotoGP valide per il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Il rider torinese ha infatti ricevuto una penalizzazione di tre posizioni in griglia per aver guidato in maniera troppo lenta in traiettoria durante il turno mattutino.

Una bruttissima notizia per Pecco, che sicuramente non partirà dalla pole position. Infatti, anche in caso di miglior tempo in qualifica, l’alfiere della Ducati scatterà dalla quarta casella, su una pista in cui Fabio Quartararo sembra davvero volare. Va detto che la MotoGP è ben diversa dalla F1, e scattare tre posizioni più indietro non compromette troppo la gara se si ha un buon passo con carico di benzina.

Bagnaia dovrà dunque impostare un fine settimana diverso, ma l’obiettivo non potrà differire più di tanto. La vittoria è obbligatoria per sperare di continuare a recuperare sul leader iridato, che viste le prestazioni di stamattina è apparso come il grande favorito. I due, lo scorso anno, ci regalarono una meravigliosa battaglia per la vittoria che vide Pecco uscirne vincente, ma Misano è una pista ricca di splendidi ricordi anche per “El Diablo”.

Lo scorso anno, sul tracciato dedicato alla memoria del compianto Marco Simoncelli, si disputarono due gare per via delle difficoltà agli spostamenti imposte dal Covid-19, ed il rider francese vinse il suo primo titolo mondiale proprio nella seconda tappa corsa in terra romagnola.

Una bella mano gliela fornì proprio Bagnaia, che cadde in gara permettendo a Quartararo di chiudere i conti con due tappe di anticipo. Come detto dai vertici Ducati in questi giorni, è fondamentale non commettere ulteriori errori per continuare a risucchiare punti pesanti, ma è chiaro che una penalità in griglia non è mai l’ideale. Le qualifiche assumeranno un’importanza ancor maggiore rispetto al solito, nella speranza che la pioggia possa dare una mano proprio nel turno di prove ufficiali del sabato pomeriggio.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Infatti, sembra quasi certo che arriverà la pioggia, e Jack Miller potrebbe davvero rientrare tra i favoriti assieme a Johann Zarco del team Pramac. Pecco, lo scorso anno, andò molto forte sotto l’acqua in prova facendo segnare la pole position prima di scivolare poi alla domenica. Dunque, si tratterà di un week-end che parte in salita per l’uomo di punta della casa di Borgo Panigale, ma nulla è perduto visto che c’è ancora tutto da giocare in pista.