Verstappen ha una preoccupazione: ecco di cosa si tratta

Max Verstappen prenderà il via dalla pole position a Montreal, ma accanto a lui ci sarà Fernando Alonso. Ecco le sue parole.

Una pole position da fenomeno assoluto quella conquistata da Max Verstappen a Montreal, dove alle 20 di questa sera scatterà il Gran Premio del Canada. Il campione del mondo ha girato in 1’21”299 con la gomma Intermedia, dominando in lungo ed in largo le qualifiche canadesi, primeggiando in tutte e tre le sessioni.

Verstappen (ANSA)
Verstappen (ANSA)

Sul bagnato non c’è nulla da fare contro la Red Bull del leader del mondiale, monoposto che manda in temperature le gomme in maniera perfetta, consentendogli di esprimere al meglio il proprio talento in queste condizioni. La RB18 #1 potrà mettere la parola fine a questo mondiale nella serata italiana, visto che Charles Leclerc, che ha cambiato tutta la power unit, partirà dai box.

Chi si aspettava un Carlos Sainz in pole position si è dovuto ricredere, visto che lo spagnolo non è stato in grado di prendersi neanche la prima fila. Davanti a lui c’è lo strepitoso Fernando Alonso, che ha regalato la prima fila all’Alpine a quasi 42 anni, un risultato davvero incredibile.

L’ultima volta era accaduto al Gran Premio di Germania del 2012, quando fece segnare il miglior tempo al sabato per poi vincere la gara con la Ferrari. Nando sa che battere Verstappen sarà molto difficile, ma ricordiamoci che l’iberico è uno dei migliori nelle partenze, per cui aspettiamoci un full attack nei confronti della Red Bull dell’olandese.

Il distacco in qualifica è stato di 645 millesimi, ma il suo 1’21”944 gli ha consentito di battere per un decimo lo stesso Sainz. Mettersi in prima fila a quell’età e con quella macchina è l’ennesima conferma di un fenomeno strepitoso, che in carriera ha raccolto davvero troppo poco considerando il talento di cui è a disposizione.

La gara sarà lunga ma potrebbe essere disputata in condizioni di asciutto, per cui l’Alpine non avrà di certo vita facile. Una bella mano gliel’ha data Sergio Perez, che è andato a sbattere in Q2 non riuscendo a garantire la doppietta al proprio team, dopo un week-end in cui ha sempre faticato.

Verstappen, ecco le sue parole alla fine delle qualifiche

Max Verstappen è tornato in pole position, interrompendo la serie positiva di Charles Leclerc che durava ormai dal Gran Premio di Miami. L’ultima partenza al palo dell’olandese della Red Bull risaliva ad Imola, altro week-end in cui le condizioni atmosferiche furono tutt’altro che semplici.

Al termine delle qualifiche, il campione del mondo ha detto la sua alla stampa: “Bisognava girare senza sosta e con poca visibilità e poco grip, in più il traffico costringeva a rallentare troppo spesso e questo aveva un effetto molto negativo sulla temperatura delle gomme. Non è stata una Q1 divertente, ma poi con l’asfalto che andava via via migliorando si è potuto attaccare di più“.

Per me non è mai stata un’opzione la gomma slick, perché c’erano troppi punti della pista troppo bagnati per un simile azzardo, specialmente nel primo settore. Io ovviamente in Q3 ho pensato innanzitutto a portare a casa un buon giro nel primo run e poi abbiamo azzeccato la strategia nel secondo montando un set di gomme nuove, tutto è andato alla perfezione per noi“.

Verstappen ha concluso con due battute sulla Ferrari e su Fernando Alonso: “Nel passo gara venerdì eravamo molto vicini. Sarà come sempre una battaglia serrata, io ovviamente voglio completare il lavoro. Sottosterzo all’anteriore? Qui ne ho sofferto meno rispetto alle ultime due gare di Monaco e Baku e di solito in gara la vettura migliora ulteriormente. Vedremo se sarà così anche qui in Canada. Alonso? Lo guardavo con tanta ammirazione in TV quando ero bambino, al via sarà difficile perché lui è tra i migliori da sempre“.