Chi sono gli atleti più pagati? La F1 è lontana, ma il leader è sempre lui

Forbes ha stilato la classifica dei paperoni del mondo dello sport. E i piloti della F1 sono decisamente lontani dalla top-ten. Ecco chi c’è.

Maggiori rischio uguale stipendio più importante? Non è proprio così. Nel mondo dello sport infatti gli atleti impegnati nelle competizioni più “pericolose” prendono decisamente di più di un calciatore di medio-alto livello, ma solo per poco. In realtà rischiare l’osso del collo ogni domenica non sembra poi portare a compensi decisamente maggiori rispetto a chi magari corre dietro a un pallone o lo butta dentro un canestro.

F1, La partenza a Barcellona (ANSA)
La partenza a Barcellona della F1 (ANSA)

Ancora oggi calcio e basket monopolizzano l’attenzione, con tanti atleti di questi due sport che risultano costantemente nelle prime posizioni dei personaggi che guadagnano di più annualmente. Ma se prima la F1 vedeva lì davanti qualche suo pilota, da qualche anno a questa parte sembra essere successo qualcosa. Infatti nella top ten non c’è più nessuno che fa parte del Circus.

Forbes, i piloti della F1 lontani dalla top ten

Secondo Forbes, i 50 atleti più pagati del mondo sono riusciti a guadagnare complessivamente lo scorso anno 2,97 miliardi di dollari, al lordo di tasse e commissioni dovute agli agenti. Un vero record, visto che l’aumento rispetto già alla storica annata del 2020 è dell’8%. E alcuni di questi atleti, almeno quelli in top-ten, sono delle vere aziende. Che, a loro volta, sono capaci di inglobare nel loro mondo delle società importanti. Ad esempio leggende della palla a spicchi come Kevin Durant, Stephen Curry e LeBron James guadagnano talmente tanto che possiedono a loro volta delle importanti società nel mondo dei media.

Come detto, nella top-3 ci sono giocatori di calcio e basket come Lionel Messi, LeBron appunto e Cristiano Ronaldo, che guadagnano dai 130 ai 115 milioni di dollari l’anno. Ma nelle prime posizioni non ci sono piloti di F1. Una volta nell’élite c’era Michael Schumacher. Oggi i vari Lewis Hamilton e Max Verstappen guadagnano in pratica solo una parte di quanto messo in cascina dall’ex campione tedesco. Comunque il re incontrastato in F1 rimane, nonostante tutto, proprio l’inglese della Mercedes, che nonostante il Mondiale perso all’ultima gara ad Abu Dhabi contro l’olandese, è al 17° posto della generale con 65 milioni di dollari, con un gap enorme dai primi tre. E questo dovrebbe far riflettere.

Lewis in pratica guadagna 57 milioni di stipendio (che è una cifra comunque importante), oltre a 8 milioni extra dovuti agli sponsor. E il campione del mondo in carica? Molto più lontano, 27° con 46 milioni da contratto con la Red Bull e 2 per attività extra.

Tornando alla F1, in testa alla classifica dei piloti che guadagnano di più, oltre a Hamilton e Verstappen, ci sono Fernando Alonso (17,5 milioni di euro) e Lando Norris (14,5). I ferraristi sono decisamente dietro, con Charles Leclerc che guadagna 10,5 milioni di euro, proprio davanti a Carlos Sainz Jr (10 milioni di euro). Ma quando rivedremo un pilota di nuovo tra i paperoni del mondo dello sport? Forse servirà un nuovo Schumacher, chissà. Anche se per Mick, che ora mette in cascina ogni anno “solo” 870 mila euro, servirà una vera e propria esplosione. Perché per arrivare al top ci vorranno davvero diversi mondiali di fila.