Hamilton, la Mercedes è tornata? Lewis svela il clamoroso obiettivo

Lewis Hamilton può sorridere al termine delle prove libere del venerdì, visto il passo in avanti della Mercedes. Ecco le sue parole.

Il Gran Premio di Spagna è ufficialmente entrato nel vivo, con le prove libere del venerdì che si sono chiuse nel segno di Charles Leclerc, ma non tutto è oro ciò che luccica per la Ferrari. Il leader del mondiale si è preso i galloni di favorito per la pole position, girando in 1’19”670 con gomma Soft. Alle spalle del monegasco ci sono le Mercedes di George Russell e Lewis Hamilton, attardati rispettivamente di uno e due decimi.

Hamilton (LaPresse)
Hamilton (LaPresse)

Le frecce d’argento, dotate di numerose novità tecniche, sembrano aver rimesso le ali, ed è opportuno fare una distinzione rispetto al venerdì di Miami. In quel caso, l’ex Williams piazzò addirittura il miglior tempo, ma sul fronte passo gara, la F1 W13 si dimostrò chiaramente inferiore a Red Bull e Ferrari, scenario poi ripetutosi alla domenica.

A Barcellona, invece, Hamilton e Russell sono stati gli unici ad avvicinare i tempi di Max Verstappen sul passo gara, mettendo in evidenza i passi in avanti del team di Brackey e le difficoltà della Ferrari. Durante la parte finale del long run, Russell si è addirittura fatto sotto a Leclerc, cercando di attaccarlo.

Il britannico ha poi deciso di prendere spazio, ma in due giri si era nuovamente avvicinato al leader del mondiale. Segnali decisamente esaltanti per il team di Toto Wolff, che vuole ora dar seguito a quanto messo in mostra al venerdì anche nelle giornate più importanti, quelle del sabato e della domenica.

I valori hanno visto la Red Bull prevalere, con Mercedes e Ferrari all’inseguimento sul tema della gestione gomme. La Rossa sembra essere quella messa meglio sul giro secco, e dovrà sperare di blindare tutta la prima fila per cercare di giocarsela in gara dopo le difficoltà palesate in gestione delle mescole. Le frecce d’argento possono invece sognare in grande, anche se pensare di lottare per il titolo appare quasi impossibile.

Hamilton, ecco le sue parole dopo le libere

Lewis Hamilton è terzo dopo la seconda sessione di prove libere, ma ancora una volta si è piazzato dietro a George Russell. Il sette volte campione del mondo ha girato in 1’19”874, restando ad 87 millesimi dal compagno di squadra. Sul passo gara, i due hanno girato su tempi piuttosto simili, ma va detto che l’ex pilota della Williams è stato a lungo rallentato dalla Ferrari di Charles Leclerc.

Al termine del venerdì, Hamilton ha raccontato le sue sensazioni alla stampa, sottolineando i passi in avanti fatti dalla sua Mercedes: “Quello che abbiamo visto oggi è molto positivo per noi. Sono super felice dei progressi che abbiamo fatto. Davvero, davvero, davvero, grazie a tutti in fabbrica per aver continuato a spingere e non arrendersi. Non siamo ancora i più veloci, ma io penso che stiamo arrivando ai livelli dove meritiamo di stare“.

I nuovi aggiornamenti sembrano aver risolto il guaio del porpoising: “Questa è la prima volta che percorriamo il rettilineo senza rimbalzi. C’è ancora qualche rimbalzo, ma è molto meglio. Ora finalmente vediamo il potenziale della nostra macchina. È ancora dura, ma è molto meglio di prima. Sono molto grato per questo, per questi aggiornamenti che abbiamo portato. Non potete immaginare il lavoro che c’è dietro a tutto ciò. Sono grato al mio team“.

Ora dobbiamo continuare a mettere a punto la vettura per sabato. Ci sono molti dati che possiamo sistemare in modo da poter rendere la macchina ancora più veloce. Penso che possiamo farcela, quindi speriamo di poter attaccare Red Bull e Ferrari. Se manterremo questa vettura senza sidepod? Non sono io a deciderlo, vedremo come andrà questo fine settimana. Siamo molto fiduciosi per ora“.