F1, allarme meteo a Miami: ecco cosa sta succedendo

Il mondiale di F1 si sposterà negli Stati Uniti dove si correrà la quinta tappa del campionato. Sul tracciato cittadino di Miami incombe una seria minaccia.

Nel weekend il circus della F1 sarà protagonista in Florida. Il tracciato cittadino di Miami sarà l’undicesimo nella storia degli Stati Uniti ad ospitare almeno un Gran Premio di Formula 1. I cavalieri del rischio avevano gareggiato, in passato, a Sebring, Riverside, Watkins Glen, Long Beach, Las Vegas, Detroit, Dallas e Phoenix, oltre che ad Austin, tracciato storico che ancora oggi ospita il GP degli Stati Uniti nel mese di ottobre.

F1 Ferrari F1-75 (LaPresse)
F1 Ferrari F1-75 (LaPresse)

Nel 2023, invece, la F1 farà ritorno a Las Vegas e qui avete la possibilità di osservare il layout del circuito del Nevada con un giro virtuale della Rossa. L’attesa è spasmodica dopo il testa a testa nelle prime quattro tappe tra Charles Leclerc e Max Verstappen. Il campionato 2022 ha certificato che Ferrari e Red Bull Racing hanno un vantaggio notevole rispetto a tutte le altre wing car in griglia. Il tracciato cittadino, situato nell’area adiacente l’Hard Rock Stadium dei Dolphins di NFL, romperà gli equilibri al vertici.

Si tratterà di un ottimo banco di prova per la Scuderia Ferrari dopo la debacle di Imola. Carlos Sainz vorrà rialzare la china dopo il doppio DNF in Australia e Italia. Charles Leclerc è chiamato ad una prova autoritaria, dopo l’errore di Imola che gli è costato il terzo posto. Il monegasco si presenta alla sfida in Florida con un vantaggio di 27 punti su Max Verstappen. Il doppio zero consecutivo, però, del compagno spagnolo ha pesato in termini di graduatoria costruttori. La Ferrari, infatti, ora ha soli 11 punti in più della Red Bull Racing.

Il circuito americano potrebbe favorire, nuovamente, la squadra austriaca. Alcune caratteristiche, come i lunghi rettilinei, ricordano il tracciato cittadino di Jeddah. Miami, però, presenterà tre staccate molto dure e alcune curve lente che potrebbe aiutare la F1-75. Si potrebbe ripetere il copione delle precedenti tappe, con una Rossa molto agile e precisa nei tratti misti e una RB18 velocissima sui due lunghi rettifili. Non perdetevi neanche una sessione, qui tutti gli orari dell’inedito appuntamento americano.

F1 GP Miami, le difficili condizioni atmosferiche

La location del tracciato del Miami International Autodrome si sviluppa intorno all’iconico Hard Rock Stadium. Il tracciato ha una lunghezza di 5.41 km e si percorre in senso antiorario. Le curve del circuito sono 19 con diverso raggio, angolo e lunghezza e sono previsti 57 giri. Le tre zone DRS consentiranno ai piloti di arrivare alla velocità di punta di 320 km/h. Circa i freni il tracciato è qualificato come medio per le sollecitazioni dell’impianto frenante, con il 10% del tempo del giro speso in frenata. Le staccate più dure sono alla curva 1, 11 e 17.

I piloti dopo il lungo rettilineo di partenza dovranno scalare da oltre 300 km/h a circa 108 km/h. La decelerazione più forte è quella della curva 17, con un differenziale di velocità che va dai 328 km/h di entrata ai 99 km/h di uscita e un tempo di frenata di ben 2″84. Sarà determinante in tal senso la sensibilità dei piloti e il consumo delle gomme. La Rossa ha sofferto di graining a Imola, mentre in Australia era stata la RB18 a patire dei problemi con le mescole.

Il nuovo asfalto di Miami rappresenterà la sfida nella sfida. Tra sviluppi e un tracciato inedito, i team arrivano con tanti punti interrogativi che verranno sciolti nelle prossime ore. Alle spalle delle grandi favorite Red Bull Racing e Ferrari, c’è attesa anche per riscontrare i progressi della Mercedes W13 che spera di aver, finalmente, risolto i problemi di porpoising. Miami, considerati i due lunghi rettilinei, sarà il banco di prova più importante per le frecce d’argento.

Un altro grosso punto di domanda è il meteo. Il clima di Miami, in questo periodo dell’anno, è molto variabile e può piovere pesantemente in Florida, il che vale anche per la corsa dell’8 maggio alle 15:30 ora locale. La stagione delle piogge, infatti, inizia a maggio e l’aumento delle temperature degli ultimi giorni, in previsione dell’estate, significa più umidità e una maggiore tendenza a rovesci e temporali. Il circus, appena sbarcato nella calda città della Florida, ha avuto un primo assaggio di cosa potrebbe succedere domenica. Venerdì sono previste temperature massime di 28 gradi. Sabato il tracciato potrebbe essere ricoperto da nuvole compatte, mentre domenica al 50% potrebbe piovere. Una variabile in più di un weekend che si prevede ricco di sorprese.