MotoGP, Marc Marquez non getta la spugna: arrivano parole forti

Il centauro della Honda, Marc Marquez, è tornato in sella alla Honda nel Gran Premio degli Stati Uniti, dopo il problema di diplopia. Ecco il suo obiettivo in Portogallo.

Marc Marquez è tornato in pista dopo il riacutizzarsi del problema di visione doppia che lo sta limitando da diversi mesi. Il Cabroncito ha forzato i tempi per saltare in sella alla sua Honda e prendere parte al Gran Premio di Austin. MM93 ha saltato due gare, ma al COTA ha dimostrato tutta la sua classe cristallina. Un problema alla partenza lo ha condizionato, catapultandolo all’ultimo posto in curva 1.

Marc Marquez (LaPresse)
Marc Marquez (LaPresse)

L’otto volte campione del mondo ha trovato il modo di rimontare sino alle sesta posizione, a suon di sorpassi e giri veloci. Dopo gli incidenti a Mandalika i fan avevano temuto un altro lungo stop. I controlli dei medici hanno evidenziato che l’episodio di diplopia era meno grave del previsto. Il pilota e stato considerato idoneo a tornare in sella alla sua RC213V. Il campione si è prima lanciato in un test privato sulla sua Honda CBR RR in Spagna. Il feeling è stato ottimo, dato che il trattamento conservativo aveva dato esito positivo.

Per sua sfortuna anche questo campionato, però, è partito ad handicap. Dopo le operazioni alla spalla nel 2020, la diplopia nel 2021 a seguito dell’incidente sulla moto da cross, post vittoria di Misano, il Cabroncito ha saltato già due gare in questa stagione. Inutile sottolineare il valore aggiunto di Marc Marquez alla MotoGP. Le ultime annate ci hanno privato delle manovre che hanno reso Marquez uno dei piloti più seguiti e titolati di sempre. Il catalano spera di essere tornato ai suoi livelli ora, ma la conferma arriverà solo a Portimao. Qui trovate gli orari del fine settimana portoghese. 

L’ambizioso obiettivo di Marc Marquez

Nel 2021 il nativo di Cervera è stato in grado di conquistare tre vittorie, trionfando in Germania, Stati Uniti e Italia. Non è mai stato in lotta per il campionato del mondo ma ha mostrato degli spunti da vero Marquez. La Honda ha rivoluzionato la moto nel 2022 e questo ha creato non pochi problemi al campione che ha definito il nuovo bolide giapponese una moto totalmente nuova rispetto a quella che era solita guidare negli anni precedenti. Marquez ha esordito con un quinto posto nel Gran Premio del Qatar, non riuscendo a trovare il miglior feeling con la nuova RC213V.

In Indonesia MM93, sin dalle prove, ha cercato di trovare il limite ma le conseguenze sono state pesanti. I crash lo hanno messo al tappeto, ma dopo aver saltato la gara di Mandalika e quella in Argentina, il pilota si è rialzato. Ad Austin ha fatto una delle sue migliori rimonte, prendendosi molti rischi nel tentativo di conquistare più posizioni possibili. Ha terminato la corsa negli scarichi di Pecco Bagnaia, mettendo a referto dieci punti. In classifica piloti Marc è tredicesimo, a 40 punti dal leader del campionato Enea Bastianini.

Marc Marquez, come riportato da Speedweek, ha un solo obiettivo nella testa in vista di Portimao. “Non vedo l’ora di correre in Portogallo. È una pista impegnativa, soprattutto fisicamente molto faticosa, ma è molto divertente guidarci. Lo spagnolo ha saltato due edizioni nelle scorse stagioni a causa dell’infortunio alla spalla destra nel 2020 e nel finale della scorsa annata, a causa dei problemi di visione doppia.

In America abbiamo dimostrato la nostra velocità e quello di cui siamo capaci, anche se non tutto è andato alla perfezione. Voglio lottare ancora al vertice e raccogliere buoni punti dopo che l’inizio della stagione non è stato dei migliori. Dobbiamo continuare a lavorare, su noi stessi e sulla motocicletta, per ottenere il massimo da essa. So che io e la Honda stiamo lavorando sodo”, ha concluso Marc.