Nuova Fiat Punto, c’è grande attesa: ecco come potrebbe essere (VIDEO)

Mentre la Fiat sembra aver escluso il ritorno della Punto, che sarà sostituita da un nuovo modello, nel web spunta il bozzetto di una sua nuova versione.

La Fiat negli anni ha sempre saputo fare centro con le sue utilitarie. Dalla 500 in poi, sono tanti i modelli che hanno lasciato il segno. Vedi la Uno, ancora oggi amata da chi l’ha guidata e una delle più ricercate anche nelle aste (anche se in Italia è praticamente introvabile). E proprio la sua erede, la Punto ha vissuto anni di grande successo. Ben tre le generazioni, con tanti restyling avuti nella sua lunga carriera, che è stata tra le più lunghe nella storia del marchio.

Fiat Punto (AdobeStock)
Fiat Punto (AdobeStock)

La Punto, come capitato in passato ad altri modelli, è stato un simbolo per una generazione. E ora, dopo l’uscita di scena definitiva nel 2018, c’è chi non vede l’ora di rivederla su strada in una nuova veste.

Nuova Punto, ecco come la vede un noto designer

La Fiat Punto, nata nel 1993 e disegnata da Giorgetto Giugiaro, ha subito riscosso grande apprezzamento. Tanto che due anni dopo la sua nascita, ha ricevuto il premio di Auto. La seconda generazione è nata nel 1999 ed è stata disegnata all’interno del centro stile Fiat, mentre quella del 2005, l’ultima, è tornata di nuovo nelle “mani” di Italdesign Giugiaro.

Proprio quest’ultima generazione ha avuto grande risalto, per il cambio anche di dimensioni rispetto ai modelli precedenti. E alla fine della sua fantastica “avventura”, ha fatto segnare qualcosa come 9 milioni di auto in giro per l’Europa (ma anche in Sudamerica). Dopo quattro anni di assenza però si è fatto un gran parlare di un suo possibile ritorno. E c’è anche chi ha provato a immaginare le sue nuove forme. Un designer e architetto molto famoso sul web per le sue creazioni, che molto spesso sono di modelli Fiat come la Dino Spider o la celebre Panda in versione cabriolet. Parliamo di Tommaso D’Amico, che ha proposto la versione 2022 della Punto.

Innanzitutto le dimensioni, rispetto alla sua precedente versione, sembrano leggermente aumentate. La parte anteriore ricorda nel gruppo ottico (con fari full Led) la Fiat Tipo attualmente in commercio, con il logo grande in mezzo ad una griglia del cofano ridotta. Il cofano presenta due nervature accentuate ai lati, che conferiscono alla vettura un certo carattere sportivo. La parte posteriore invece ricorda in tutto e per tutto la Punto originaria, con luci sviluppate sì verticalmente ma con una forma a L molto accattivante.

Ondulato il paraurti posteriore, che si chiude con due scarichi cromati. Il tetto è di colore nero, per creare una doppia colorazione che va molto di moda ancora adesso, mentre rimane sopra il lunotto un piccolo alettone. L’interno poi è altamente tecnologico, in linea con gli standard attuali: c’è un unico lungo schermo che comprende le informazioni principali con grafica 3D e l’infotainment, mentre nella parte inferiore rimangono diversi comandi fisici, dall’aria condizionata alla radio e non solo.

Peccato però che sia un puro esercizio di stile. Infatti in un’intervista rilasciata al magazine britannico Autocar, il CEO della Fiat, Olivier François, ha confermato che non tornerà la Punto. Almeno per il momento. CI sarà però una erede, che si chiamerà in modo diverso ma ne ricalcherà il ruolo in un contesto più moderno e tecnologico. L’ipotesi è che sfrutterà la piattaforma modulare CMP delle cugine Peugeot 208 e Opel Corsa.