F1, Lewis Hamilton parte già sconfitto: parole che sanno di resa

Il pluricampione della Mercedes, Lewis Hamilton, alla vigilia del primo appuntamento stagionale ha lasciato intendere che la Mercedes deve risolvere diversi grattacapi.

Lewis è tornato nel Paddock con l’obiettivo conclamato di riprendersi ciò che ritiene gli sia stato sottratto ingiustamente ad Abu Dhabi. Qualcosa, secondo Lewis, è stato manipolato nelle ultime battute del mondiale 2021. Il vincitore di 103 Gran Premi, l’unico nella storia in tripla cifra, e 103 pole position non può che lottare per i massimi traguardi, personali e di team. Superare la batosta dell’epilogo della scorsa stagione non sarà semplice, a causa della paradossale situazione in cui il nativo di Stevenage si è venuto a trovare.

Lewis Hamilton (Ansa Foto)
Lewis Hamilton (Ansa Foto)

Tutto sembrava apparecchiato per l’ottavo successo iridato del campionato. Un beffardo gioco del destino ha stravolto i piani di Hamilton a pochi chilometri dal prestigioso traguardo. Nicholas Latifi, driver della Williams motorizzata Mercedes, ha perso il controllo della sua monoposto, finendo contro le barriere a pochi giri dalla fine del campionato. Un incidente clamoroso che ha, totalmente, riacceso le speranze di Max Verstappen. L’olandese era secondo, ma ormai distaccato dal leader inglese.

L’incidente nelle retrovie di Latifi ha riaperto la contesa, con l’uscita della Safety Car. Il direttore di gara Michael Masi ha preso una decisione che ha condizionato la contesa, decidendo di richiamare ai box la vettura di sicurezza per un ultima decisiva tornata. Max, su gomme fresche appena montate, non ha avuto difficoltà a sopravanzare Hamilton in curva 5 e laurearsi campione del mondo. Il problema è che non tutte le vetture si erano sdoppiate, per chiarire il concetto lo avevano fatto solo quelle tra Hamilton e il pilota della Red Bull Racing.

F1, Lewis Hamilton in ansia per il Bahrain

Smaltita la delusione per il finale di stagione. Lewis si è chiuso in un silenzio tombale per gran parte dell’inverno. L’inglese è scomparso dai radar, tornando sui social dopo quasi due mesi con un post con l’annuncio:Sono stato via. Ora sono tornato!”. Il driver della Mercedes ha ammesso che ha perso anche, per un momento, fiducia nel sistema. Max Verstappen, campione del mondo in carica, ha vinto con merito nel 2021, avendo conquistato un maggior numero di gare rispetto ad Hamilton, approfittando però dei clamorosi errori gestionali di Michael Masi.

Rimosso il direttore di gara australiano, il sette volte campione del mondo può guardare all’inizio della stagione con rinnovato ottimismo. I problemi principali deriverebbero dalla filosofia progettuale dell’auto ad effetto suolo. La W13 è una vettura molto innovativa, un concentrato di tecnologia estremo. Basti osservare le pace ideate dai tecnici di Brackley per farsi una idea. Nei test prestagionali il campione, però, ha stentato a trovare il feeling giusto. La Stella a tre punte ha palesato dei problemi, ma il team campione in carica è capace di recuperi repentini, a volte miracolosi.

In conferenza stampa l’asso della Mercedes ha dichiarato: “Per il team i test sono andati piuttosto lisci, non lo sono stati per me, ma credo che per tutti i piloti sia stato così. E’ stato sorprendente vedere i cambiamenti alle nuove macchine. Gli effetti di questi cambiamenti li stiamo scoprendo step by step. C’è tanto lavoro da fare. Non mi aspetto progressi enormi, l’auto presenta un nuovo motore, nuovi componenti ma è sempre la stessa macchina dello scorso weekend. Abbiamo imparato tanto dalla scorsa settimana di prove e spero che ci possano essere stati dei progressi grazie a questa comprensione”.

Lewis Hamilton, in merito al Covid-19, ha dichiarato: “Io non potevo correre quando avevo il Covid, anche quando sono tornato ero ancora in convalescenza. Sono riuscito a malapena a concludere quella gara. Ho appena mandato un messaggio a Sebastian Vettel perché è triste non vederlo qui, spero che stia bene. So che Daniel è stato colpito pesantemente dal virus. Il mondo si sta abituando di più e lo vediamo sempre meno, forse non lo vediamo addirittura più nelle notizie, però è un qualcosa che c’è ancora e ci circonda. Dobbiamo continuare a prendere precauzioni usando le mascherine e mantenerci al sicuro per tenere gli altri al sicuro”.

Lewis ha spiegato, nel finale della conferenza stampa, che non vede l’ora di conoscere i risultati delle valutazioni relative al Gran Premio Abu Dhabi 2021. Il campione è curioso di capire quale sarà l’esito e ha aggiunto che la trasparenza è sempre positiva. Ciò che è accaduto in passato è meglio non si ripeta più per il bene della Formula 1.