MotoGP, Jorge Lorenzo: investitura per Valentino Rossi, poi torna sul 2015

In una intervista a Dazn, Lorenzo è tornato sulla rivalità con Valentino Rossi e in particolare su quel titolo iridato così tanto contestato.

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo nel 2015 (foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Valentino Rossi e Jorge Lorenzo nel 2015 (foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Non c’è dubbio che Jorge Lorenzo sia stato uno dei rivali più difficili nella carriera di Valentino Rossi. Una sfida iniziata nel 2008, quando il maiorchino arrivò in Yamaha accanto al Dottore e finita solo con il suo ritiro un paio di stagioni fa.

Lorenzo e quel rapporto mai scoccato col Dottore

Proprio l’arrivo in MotoGP di Lorenzo non piacque a Valentino Rossi che, a più riprese, non ha nascosto quanto quella decisione della Yamaha abbia aperto una ferita che, qualche anno dopo, avrebbe portato alla separazione tra il numero 46 e il team.

Lo stesso Lin Jarvis, gran capo della Yamaha, ha confermato quanto Rossi avesse poco gradito l’arrivo di Lorenzo nel box, visto addirittura come un affronto dopo tutto quello fatto da lui per la squadra. La realtà però è che le sirene della F1 avevano allarmato Yamaha, che era subito voluta correre ai ripari per avere un altro numero 1 per il futuro.

Sta di fatto che cominciò tra i due una guerra dapprima silenziosa, poi più evidente. In pista tante le sfide, molte delle quali vinte inizialmente dal più esperto Valentino Rossi, basti ricordare il gran sorpasso a Barcellona nel 2009. La parentesi in Ducati non fece altro che nascondere sotto il tappeto le ceneri di una rivalità che però, alla prima occasione, era pronta a riaccendersi.

Valentino Rossi torna in pista: programma e orari TV per rivederlo

Valentino Rossi e il titolo 2015 secondo Jorge

Col ritorno del campione di Tavullia in Yamaha nel 2013, la rivalità con Jorge Lorenzo ripartì, anche se in maniera meno evidente. Solo nel 2015 il conflitto deflagrò in tutta la sua potenza. Valentino Rossi riuscì finalmente a lottare per il titolo e si rese protagonista di una prima parte ci campionato clamorosa, fatta di vittorie e costanza di rendimento.

Il maiorchino, costretto a inseguire, recuperò terreno e nel finale beffò il pilota italiano, merito anche dell’aiuto di Marc Marquez, che si schierò con il connazionale affinchè non vincesse il Dottore. Una storia da sempre raccontata dallo stesso Rossi ma confermata solo poco tempo fa proprio da Lorenzo.

E proprio su quel Mondiale è tornato a parlare il maiorchino, che comunque negli ultimi anni, nonostante tutto, è riuscito a creare un rapporto nuovo, fatto di reciproco rispetto, con Valentino Rossi. Tanto che il campione di Tavullia lo ha invitato all’ultima 100 km dei Campioni al proprio Ranch.

Ai microfoni di Dazn, Lorenzo ha affermato che era lui il pilota che meritava di vincere in quella stagione il titolo Mondiale. E a confermarlo sono i numeri: 7 vittorie a 4 per il maiorchino, 16-2 in qualifica, 10-8 in corsa, 274 giri in testa contro 50. Inoltre Lorenzo ha aggiunto: “Ho perso tanti punti per sfortuna e avrei potuto chiudere la questione in Australia o in Malesia”. Anche se poi ha avuto parole al miele per il rivale, paragonandolo a Maradona e incoronandolo come il migliore di tutti i tempi, anche sopra a Giacomo Agostini.