Jorge Lorenzo affonda su Vinales: no, il problema non era Valentino Rossi

Jorge Lorenzo analizza spassionatamente le difficoltà incontrate da Maverick Vinales dalla Yamaha. Non solo con Valentino Rossi, anzi

Jorge Lorenzo e Maverick Vinales
Jorge Lorenzo e Maverick Vinales (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Jorge Lorenzo non risparmia i suoi giudizi, sinceri ma brutali, su Maverick Vinales, il pilota che prese il suo posto alla Yamaha dopo il suo trasferimento alla Ducati.

Ora che è diventato ufficialmente un ex e che si è dedicato, tra l’altro, a fare il commentatore, Por Fuera dice la sua su uno dei passaggi più discussi di questa stagione del Motomondiale: l’addio di Top Gun alla Casa dei Diapason, per spostarsi in Aprilia.

“Non è la prima volta in cui assistiamo a mosse drastiche da parte sua, nel corso della carriera: lo ha fatto in particolare quando era più giovane”, commenta poco convinto il cinque volte campione del mondo in un’intervista concessa ai microfoni del sito ufficiale della MotoGP. “Ora è la seconda o terza che compie”.

Le difficoltà di Vinales con Quartararo, secondo Lorenzo

Per molti anni si è pensato che i problemi di Vinales derivassero dalla convivenza in squadra con un compagno ingombrante e impegnativo come Valentino Rossi. Ma l’arrivo nella scuderia ufficiale Yamaha di Fabio Quartararo ha dimostrato che questa lettura era decisamente troppo semplicistica: invece di migliorare la situazione dello spagnolo, infatti, l’ha peggiorata.

“L’arrivo di un pilota giovane come Quartararo non lo ha spinto a salire ad un livello superiore”, rincara la dose Lorenzo. “Anzi, è accaduto il contrario. Lo ha reso mentalmente più debole, perché ha subito tanto la forza di Fabio. Quando il tuo compagno di squadra va mezzo secondo o un secondo più veloce di te, questo inizia a pesarti mentalmente. Se non sei estremamente forte e molto positivo, allora inizia a pensare in maniera negativa”.

Da qui la necessità di passare alla Casa di Noale, seppure almeno sulla carta rappresenti un passo indietro in termini di competitività: “Aveva bisogno di una nuova squadra e di nuove persone per sentirsi più felice e motivato”, sottolinea il suo connazionale. “Apparentemente è andato su una moto peggiore, in un team peggiore. La storia dice questo. Però non si sa mai”.

Maverick Vinales
Maverick Vinales (Foto Aprilia)

LEGGI ANCHE —> Maverick Vinales: “Serve tempo per andare forte con Aprilia”