Aleix Espargarò non è soddisfatto, anzi: “Sono un po’ inc***ato”

Aleix Espargarò partirà dalla seconda fila ad Aragon. Un nuovo motore per la sua Aprilia, ma spera in una migliore top speed.

Aleix Espargaro sul circuito di Aragon (foto Aprilia)

Aleix Espargarò scatterà dalla seconda fila nel GP di Aragon, ma avrebbe potuto fare anche meglio. Il pilota Aprilia, reduce dal podio di Silverstone, continua a portare in alto la sua RS-GP e guadagna il sesto posto in griglia con un tempo di 1:46.883. Buono anche il ritmo, in vista di una gara dove il consumo gomme giocherà un ruolo fondamentale.

Eppure non è esattamente quello che lo spagnolo aveva anticipato con la sua Aprilia: “Mi aspettavo di più”, ha ammesso. “Penso di avere il passo per stare nel gruppo di testa. A Silverstone ero un po’ più forte, o meglio: gli altri non erano così forti. Penso che siamo ancora pronti a combattere nelle prime posizioni”.

Aleix Espargarò voleva arrivare più avanti

Nel weekend al MotorLand la casa di Noale gli ha dato un nuovo motore. Per Aleix Espargarò si tratta di un ulteriore passo avanti, pur dovendo ammettere che si aspetterebbe qualche cavallo in più… “Mostra piccole differenze e sono contento dei progressi. L’accelerazione è migliore, ma c’è ancora qualcosa che manca quando si tratta di velocità massima. Ma non puoi aspettarti che gli ingegneri mettano un motore con 15 CV in più per me. Sono soddisfatto dei piccoli passi e penso che siano promettenti”.

Nelle FP4 Aleix Espargarò è stato messo in minoranza nella scelta delle gomme da parte della sua squadra. Voleva scendere in pista con la gomma posteriore dura. “Sono un po’ incazzato perché si è scoperto che la squadra era sulla strada giusta. Con la gomma posteriore morbida ero ancora sotto l’1:49 anche dopo più di 20 giri. Ma penso anche che la variante soft sia un modo per iniziare la gara. Non abbiamo ancora preso una decisione definitiva”.

LEGGI ANCHE —> Riscossa Ducati ad Aragon, baratro Valentino Rossi: analisi delle qualifiche

Aleix Espargaro e Maverick Vinales sul circuito di Aragon (foto Aprilia)