Johann Zarco in caduta libera: perché è crollato dopo le vacanze?

Johann Zarco rinuncia al sogno del titolo mondiale 2021. Dopo la pausa estiva qualcosa non ha funzionato a livello mentale.

Johann Zarco (getty images)

Johann Zarco ha chiuso la prima parte della stagione 2021 al secondo posto in classifica. Sembrava potesse insidiare la leadership del rivale e connazionale Fabio Quartararo, invece nel doppio round austriaco e nella gara in Inghilterra ha collezionato un sesto posto, un ritiro e un 11° posto che lo hanno allontanato dal sogno iridato. Quattro podi stagionali nella prima parte del Mondiale lasciavano prevedere una seconda parte in continua progressione, invece il gap in classifica è salito a 69 punti (prima della pausa estiva erano 34).

LEGGI ANCHE -> Il team Petronas annuncia chi affiancherà Valentino Rossi ad Aragon

La pressione iridata su Zarco

Cosa non ha funzionato dopo la pausa del campionato? Il lato psicologico ha svolto il suo ruolo di primo piano. “Devo togliermelo dalla testa perché mi ha messo troppo sotto pressione quando sono tornato dalla pausa estiva. Se fosse conscio o inconscio è difficile dire”, ha ammesso il pilota del team Pramac Racing. “Volevo aumentare il ritmo per stare meglio al passo con Fabio. Ma non è andata così. Ciò non significa che ho rinunciato alla speranza. Possono ancora succedere molte cose. Ma il fatto è che Fabio ha mantenuto la sua posizione, mentre io ho bisogno di più tempo per analizzare diverse cose”.

Johann Zarco è stato ingaggiato da Ducati quando sembrava non avesse più speranze di ritornare sulla griglia della classe regina. Gigi Dall’Igna, Paolo Ciabatti e i vertici del costruttore emiliano hanno scommesso su di lui, affidandogli una moto ufficiale. E la promessa di una promozione nel team factory se i risultati gli avrebbero dato ragione. C’è ancora il tempo per inseguire questo traguardo, ma non è la priorità del francese in questo momento.

Ad Aragon bisogna riportarsi ai piani alti per riguadagnare fiducia nei propri mezzi. “Nelle ultime due settimane non ho avuto certo questo pensiero. La mia posizione nel team Pramac è buona. Se il candidato [per la squadra ufficiale] poi sarà Jorge Martin, perché è più giovane, sarà così. Finché in futuro potrò competere per il titolo mondiale sarò felice”.

Johann Zarco (getty images)