Razali cambia idea su Dovizioso: il boss Petronas fa un’ammissione

Dovizioso dovrebbe tornare a correre in MotoGP. Il team di Razali e Stigefelt è pronto ad accoglierlo. Vedremo se già nel 2021 o solo dal 2022.

Razlan Razali
Razlan Razali (Getty Images)

L’abbandono dello sponsor Petronas è un colpo pesante sia per la MotoGP che per il Sepang Racing Team. Tuttavia, quest’ultimo continuerà a essere presente nella top class del Motomondiale.

Razlan Razali e Johan Stigefelt sono pronti a imbastire un nuovo progetto con nuovi partner e nuovi piloti. In occasione del gran premio di Misano dovrebbe essere tutto ufficializzato. Probabilmente il title sponsor della squadra sarà il marchio italiano WithU, già presente nel Motomondiale.

LEGGI ANCHE -> Valentino Rossi: “Voglio far bene negli ultimi GP, sono quelli che ricorderò”

MotoGP, Dovizioso e Binder nel team di Razali?

Razali in un’intervista concessa a Sky Sport MotoGP ha confermato che a Misano verrà tutto svelato: «Presenteremo la nuova squadra, con il nome e il partner. È un progetto totalmente nuovo e siamo entusiasti. Abbiamo avuto tre anni di esperienza e possiamo rifarlo».

Il manager malese ha anche ammesso che Andrea Dovizioso è un serio candidato a guidare una delle due Yamaha M1 a disposizione del nuovo team: «Vogliamo i migliori possibili e assieme a Yamaha stiamo cercando di capire le opzioni disponibili. La nostra filosofia è quella di scegliere piloti giovani, ma probabilmente ne avremo uno esperto al fianco di uno giovane. Andrea potrebbe dare un aiuto con la sua esperienza».

Ci sono grandi possibilità che Dovizioso approdi nella squadra di Razali e Stigefelt, la trattativa è in corso. Lo sponsor WithU vuole un pilota italiano e l’ex Ducati rappresenta una soluzione ideale. L’altro rider potrebbe essere Darryn Binder, ora impegnato in Moto3 col team Petronas SRT.

Da ricordare che a fine luglio Razali in un’intervista a MCN aveva dichiarato di non volere Dovizioso: “Non vogliamo che si crei una situazione simile a quella attuale con Valentino Rossi. Inoltre è stato fermo un anno. Preferiamo ragazzi da plasmare, come abbiamo fatto con Quartararo“.

Il manager asiatico ha cambiato idea, anche se va detto che allora non c’era stato ancora l’annuncio dell’addio di Petronas e dunque nel mentre lo scenario è mutato e pure i suoi pensieri evidentemente.

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (Getty Images)