Bottas solito aziendalista: pensa solo al bene del team

A fine gara Bottas è apparso molto soddisfatto per il risultato ottenuto. Il driver finlandese felice per quanto fatto da tutto il team.

Valtteri Bottas (GettyImages)
Valtteri Bottas (GettyImages)

Dopo qualche prova opaca Valtteri Bottas è tornato a fare una prestazione consistente. In Gran Bretagna il finlandese ha dato una grossa mano ad Hamilton nella rincorsa alla vittoria e soprattutto ha portato a casa un 3° posto che ad inizio gara sembra compromesso.

Grazie all’ottima strategia della Mercedes e ad un buon passo gara si è ritrovato ad un certo punto 2°, alle spalle di Leclerc. A quel punto però ha lasciato strada al compagno di team per permettergli di andare a prendere il monegasco. Nonostante gli incitamenti della squadra non è riuscito a tenere lo stesso passo del britannico e alla fine si è dovuto accontentare della 3a piazza.

Bottas contento del suo 3° posto

A fine gara ha così commentato la propria prestazione: “Oggi ho avuto bisogno di bere qualcosa in più. Oggi il nostro punto debole è stata la partenza, un po’ come accaduto ieri a Lewis. Abbiamo dovuto reagire poi alla sosta di Lando all’inizio quindi ci siamo fermati un pochino troppo presto per essere competitivi verso la fine”.

LEGGI ANCHE >>> Leclerc, secondo posto senza gioia: mastica amaro per la beffa finale

Bottas però ha chiuso il proprio intervento in maniera abbastanza aziendalista pensando più che altro al fatto che per la squadra è stata una giornata molto positiva: “Dal punto di vista del team sono arrivati ottimi punti, quindi va bene così”. Indubbiamente questa domenica ha decisamente sorriso alla Mercedes che ha raccolto quasi il massimo dei punti disponibili recuperandone tantissimi sia a Verstappen nella classifica piloti che alla Red Bull in quello costruttori.

Valtteri Bottas in pista nelle prove libere del Gran Premio della Stiria di F1 2021 al Red Bull Ring
Valtteri Bottas in pista nelle prove libere del Gran Premio della Stiria di F1 2021 al Red Bull Ring (Foto Jiri Krenek/Mercedes)