Il grande campione di moto ha un nuovo rivale: “Ora sconfiggerò il cancro”

Un grandissimo fuoriclasse del motociclismo del passato si ritrova oggi a lottare contro un avversario subdolo e oscuro: il tumore

Phil Read
Phil Read (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Nel corso della sua lunga e vincente carriera nel motociclismo si è battuto contro avversari tosti e importanti come il nostro Giacomo Agostini e Mike “The Bike” Hailwood.

Ma forse non si sarebbe mai aspettato che il suo rivale più subdolo doveva ancora incontrarlo, molti decenni dopo aver appeso il casco al chiodo: ovvero il tumore.

Phil Read, oggi 82enne, è da tempo in lotta con una brutta malattia polmonare, che gli ha provocato conseguenze a livello respiratorio purtroppo aggravate dall’età. All’inizio dell’anno passato si era dovuto ricoverare anche per colpa del coronavirus, dal quale era stato contagiato ma era poi anche guarito senza lasciare troppe complicazioni apparenti.

Phil Read ricoverato per cancro alla prostata

Purtroppo, negli ultimi giorni l’ex centauro inglese è finito nuovamente in ospedale, stavolta per un male ancora più oscuro, che lui stesso ha svelato attraverso i propri profili sui social network. “Mi dispiace, amici”, ha scritto. “So di non essermi fatto sentire molto ultimamente. Questo il motivo: sono tornato in ospedale per farmi curare il cancro alla prostata”.

Di battaglie, nel corso della sua carriera sulle due ruote, Read ne ha vinte tante. Fu campione del mondo nel 1968 in classe 125; nel 1964, 1965, 1968 e 1971 in classe 250, sempre su Yamaha, ma anche nel biennio 1973-1974 in classe 500, con la nostra Mv Agusta. Per un totale di ben sette campionati del mondo e cinquantadue Gran Premi vinti su 145 disputati.

Ora si ritrova a correre la gara più importante, quella per la sua vita. Ma anche in questo caso ha tanti tifosi in tutto il mondo che lo sostengono e che lo accompagnano, in un momento così difficile.

Phil Read in pista nel 1965
Phil Read in pista nel 1965 (Foto Daily Express/Hulton Archive/Getty Images)

LEGGI ANCHE —> Shock: l’ex campione organizza il suo funerale in pista, ma è ancora vivo