Lutto improvviso nel Motorsport: vuoto incolmabile per i fan

E’ arrivata una notizia che ha sconvolto l’intero ambiente dei motori. Un icona del Motorsport ci ha lasciato troppo presto.

Un vuoto incolmabile si è aperto nel cuore di tutti gli appassionati di Motorsport, stamane 30 dicembre 2023. Una colonna portante dell’automobilismo, inaspettatamente, ci ha detto addio. A volte le corse in auto possono essere crudeli. Tante giovani vite sono state strappate nell’inseguimento di un sogno. Da appassionati possiamo raccontarvi le gesta di campioni che hanno scritto pagine indelebile del Motorsport.

Lutto improvviso nel Motorsport
Motorsport, l’addio ad un campione assoluto (Adobe – Ansa) tuttomotoriweb.it

In passato i lutti venivano visti quasi come il giusto prezzo da pagare. Erano accettati con filosofia quando di mezzo c’erano interessi legati alla velocità. Faceva parte di quel meraviglioso mondo della Formula 1 e di tutte le altre categorie che sono seguite worldwide. Non sempre la vita di un pilota viene spezzata al volante di una vettura. Le dinamiche possono portare ad altri tragici epiloghi.

Stavolta, a soli 56 anni, ci ha salutato un grande campione che ha saputo sfruttare ogni singola chance che la vita gli ha concesso. Un fenomeno che, nel corso della propria carriera, ha saputo emozionare negli Stati Uniti e non solo. Questa è la storia di Gil de Ferran.

Motorsport, l’addio ad un campione assoluto

Gil de Ferran era nato a Parigi l’11 novembre 1967. Aveva cominciato la sua carriera, gareggiando sui kart. Nel 1991 era stato selezionato in F3 britannica, dopo aver gareggiato in Formula Ford. Nel 1992 arrivarono i primi trionfi di alta levatura in pista. Vinse il campionato di categoria e si proiettò alla Formula 3 britannica. Chiuse la sua prima annata con la Stewart al quarto posto della graduatoria, ottenendo anche un bel trionfo al secondo appuntamento.

Al termine di una giornata di test con la Arrows F1 de Ferran cadde a terra e batté la testa mentre camminava nel motorhome, compromettendo così la promozione nella massima categoria del Motorsport. Nel 1994 migliorò i suoi risultati in F3000, giungendo al terzo posto. A quel punto, senza chiamate dalla F1, il driver ricevette una offerta dall’ex driver e proprietario di team nelle Champ Car, Jim Hall. Il trionfo fu garantito in seguito da una crescita costante nella categoria a ruote scoperte americana.

Con il passaggio alla Penske nel 2000, infatti, il pilota brasiliano conquistò due titoli mondiali, prima di abbandonare la categoria CART a fine 2001. De Ferran detiene anche un record, avendo registrato il giro più veloce ad una media record di 388,537 km/h (241.426 mph) ad Indianapolis, si tratta del primato mondiale del giro con la velocità media più elevata mai stabilita in qualsiasi competizioni in circuito chiuso.

Nel 2003 vinse la 500 Miglia di Indianapolis e appese il casco al chiodo. Dopo aver lavorato con la BAR, il brasiliano era stato ingaggiato dalla McLaren, prima nel ruolo di direttore sportivo al posto di Éric Boullier e poi nelle vesti di consigliere dal mese di maggio scorso. Il Motorsport è rimasto sconvolto dall’annuncio della scomparsa del campione sui canali ufficiali del team inglese. Da parte di tutta la redazione di tuttomotoriweb.it ci sentiamo di trasmettere le più sentite condoglianze alla famiglia.

Impostazioni privacy