Red Bull, nuovo “scherzo” ai fan? Dall’Olanda una voce curiosa

La Red Bull sarà la prima a svelare la monoposto per la nuova stagione, ma attorno alla presentazione ci sono già voci discordanti.

La lunga attesa sta ormai per terminare. Dal Gran Premio di Abu Dhabi che ha posto fine alla scorsa stagione, dominata dalla Red Bull e da Max Verstappen, sono ormai trascorsi oltre due mesi, e tra poco più di una settimana inizieremo a parlare delle nuove monoposto, visto che la sarabanda delle presentazioni è ad un passo.

Red Bull RB18 (ANSA)
Red Bull RB18 con Verstappen ad Abu Dhabi (ANSA)

La prima a svelarsi sarà proprio la regina, la RB19 che l’olandese vorrà portare subito davanti a tutti. L’unveiling ufficiale è previsto a New York per il prossimo 3 di febbraio, e tre giorni più tardi toccherà invece alla Williams. Il 7 febbraio toccherà all’Alfa Romeo Racing, all’ultimo anno di collaborazione tra la Sauber e questo marchio prima di iniziare ad entrare in ottica Audi in vista del 2026.

L’11 febbraio sarà il turno dell’Alphatauri, ed anche lei si presenterà a New York come la sorella maggiore. Il 13 spazio a McLaren ed Aston Martin, mentre il 14 ed il 15 si tornerà a fare sul serio con la presentazione di Ferrari e Mercedes. Poche ore dopo sarà la volta dell’Alpine, mentre l’unica che deve ancora annunciare la data fatidica è la Haas. Insomma, per tornare ad accendere i motori è rimasto davvero poco, visto che tra un mese esatto scatteranno i test pre-stagionali in Bahrain, dove inizieremo a capire i valori delle monoposto.

La Red Bull è una delle vetture più attese visto che viene da due mondiali consecutivi, ma alcune voci che stanno arrivando dall’Olanda rischiano di spegnere l’hype per la presentazione newyorkese. Nelle prossime righe, cercheremo di capire cosa sta emergendo, augurandoci che si tratti soltanto di indiscrezioni che poi non verranno confermate dai fatti.

Red Bull, ecco cosa accadrà alla presentazione

In casa Red Bull è tutto pronto per la presentazione della nuova RB19, la monoposto con la quale Max Verstappen andrà a caccia del terzo titolo mondiale piloti consecutivo. Il team di Milton Keynes, dal canto suo, punta a mettere in fila il secondo titolo costruttori, quello che sarebbe il sesto nella vincente seppur breve storia della squadra anglo-austriaca.

Gli ingredienti per ribadire la superiorità vista nella seconda parte della stagione ci sono tutti, a cominciare dall’obiettivo di ridurre il peso. La vecchia monoposto, secondo quanto dichiarato dai tecnici stessi, era ancora di circa 8-10 kg sopra al limite di peso, che per il 2023 è stato abbassato a 796 kg. Se la RB19 dovesse dimagrire ancora, il bilanciamento e la gestione gomme ne gioverebbero e non poco, causando guai ulteriori ai rivali.

La presentazione ufficiale della nuova Red Bull è attesa per il prossimo 3 di febbraio, nello scenario di New York, dove anche l’AlphaTauri toglierà i veli alla AT04 poco più di una settimana più tardi, l’11 di febbraio. Secondo quanto riportato da “RacingNews365.com“, è probabile che entrambe le squadre si rechino nella Grande Mela soltanto per svelare la loro nuova livrea nell’interesse degli sponsor, mentre le vere vetture arriveranno soltanto nei test in Bahrain, che scatteranno il 23 febbraio.

Il team di Milton Keynes adottò la stessa tattica anche 12 mesi fa, presentando una showcar con la nuova livrea, giusto per annunciare il nuovo title sponsor, ovvero la Oracle. I fan rimasero molto delusi da questa scelta, visto che per le monoposto del 2022 c’era una grandissima attesa considerando il nuovo regolamento, e la vera auto di Adrian Newey si vide soltanto ai test di Barcellona.

Una volta, le presentazioni erano un momento fantastico, in cui la nuova vettura veniva mostrata al mondo intero in diretta, con tanto di giornalisti invitati e di ospiti speciali. Al giorno d’oggi, questo format è sempre più raro, con le F1 delle varie squadre che vengono svelate tramite immagini computerizzate come i render oppure con dei semplici video rilasciati sul web.

La F1 odierna è ben diversa da quella del passato, e quella delle presentazioni è una delle tante lacune che si è venuta a creare in questi anni. Tornando al team di Milton Keynes, c’è un’ulteriore notizia che è stata lanciata dal noto sito olandese, ma che riguarda ciò che avverrà dal 2026 in avanti.

Il reparto di powetrains della squadra di Christian Horner si è iscritta come nuovo motorista, ma non è escluso che per la realizzazione delle power unit possa esserci un accordo con un altro costruttore. Qualche giorno fa si era parlato della Hyundai, ma ora è emersa anche una possibilità per Ford. Qualcosa potrebbe nascere anche con Andretti-Cadillac, interessati ad entrare come team ufficiale, ma la faccenda è ancora in divenire.