Quanto costa una macchina per correre alla Dakar? Prezzo incredibile

La Dakar è il rally raid più famoso del mondo ed affascina tanti appassionati. Ecco quanto può costare un’auto per partecipare.

L’edizione 2023 della Dakar è entrata nei suoi ultimi giorni di gara, con la Toyota di Nasser Al-Attiyah che appare abbastanza in controllo della situazione con un gran vantaggio sugli inseguitori. Tuttavia, il raid più famoso del mondo nasconde tantissime insidie, ed il principe qatariota è il primo ad esserne al corrente avendolo già vinto in quattro edizioni.

Dakar ecco quanto costa una vettura per correrla (ANSA)
Dakar ecco quanto costa una vettura per correrla (ANSA)

Questa gara è forse la più difficile ed estenuante al mondo, un vero e proprio tour de force che mette a rischio la vita dei piloti ed a durissima prova la meccanica e la tenuta dei mezzi impegnati. Le categorie in gara sono le auto, le moto ed i camion, e tutte e tre vantano dei nomi importanti al via, con l’intenzione di vincere a tutti i costi.

La Dakar ha spesso fatto segnare un grande successo a livello di seguito, anche se oggi si corre in posti ben diversi da quelli originari. L’Arabia Saudita, dal 2020 in avanti, ha ospitato le ultime edizioni, e c’è un contratto che la lega agli organizzatori anche per le prossime annate, ma va detto che lo spettacolo non manca mai.

Nelle prossime righe, vi sveleremo i costi relativi alla partecipazione a questa gara per chi fosse interessato. Potrete trovare di tutto, ovvero la spesa necessaria per l’iscrizione in base alla categoria che preferite, quelli per l’affitto del mezzo con cui gareggiare e tanto altro. Il raid saudita non vi lascerà insoddisfatti, anche se per correrlo serve fegato da vendere.

Dakar, ecco quanto costa correre il raid

La Dakar ha una storia ed un fascino immortali, che sopravvivono allo scorrere del tempo. Tante competizioni, specialmente negli ultimi anni, si sono snaturate nel nome della sicurezza, dello spettacolo e del business, e la prima che ci viene in mente è ovviamente la F1, che ormai è soltanto un lontano ricordo di quella del passato.

Anche questo rally raid, ovviamente, è cambiato nel corso del tempo, a cominciare dalla zona in cui viene corso. Sino ai primi anni Duemila, come ben saprete, la gara si chiamava Parigi-Dakar, ovvero la denominazione dell’evento originale che prese il via nel lontano 1979.

In seguito, le cose sono cambiate per via di alcuni attentati terroristici che avvenivano nelle zone in cui si disputava l’evento in Africa, e così la gara è stata spostata prima in Sud-America a partire dal 2009 ed, in seguito, in Arabia Saudita già tre anni fa. La Dakar è il sogno di molti appassionati di corse ma anche e soprattutto di avventurieri, ed oggi vi spiegheremo quanto costa la partecipazione a questa gara, partendo dall’utilizzo di un mezzo adatto a correre.

Prima di tutto, è bene sottolineare che anche l’iscrizione ha un bel costo, che parte da 15.700 euro per quanto riguarda le moto. Se volete gareggiare con’auto, dovrete farlo pagando ben 26.600 euro, ed in entrambe le categorie c’è un piccolo sconto per chi l’ha disputata per almeno dieci volte in passato.

Tralasciando le due e le quattro ruote, è molto nota anche la categoria riservata ai camion, dove c’è un equipaggio di ben tre persone, con ben 39.900 euro di iscrizione da dover pagare prima di prendere il via dell’evento. Va detto che nel prezzo per iscriversi sono compresi anche i trasporti utili a viaggiare dall’Europa all’Arabia Saudita, ma anche il costo del pernottamento, le varie assicurazioni utili in caso di incidente e gli alberghi.

Se volete noleggiare un’auto per partecipare alla gara, sappiate che il costo oscilla tra gli 80 ed i 100 mila euro, non proprio una spesa da poco per le persone normali, ma neanche per chi ha possibilità economiche ancor maggiori. Facendo una stima finale, si stima che i migliori debbano avere un budget complessivo che si innalza sino ai 400 mila euro, ma è ovvio che si può partecipare anche spendendo la metà di questi soldi.

I vantaggi? Se si è abbastanza conosciuti o si punta ad un risultato finale di rilievo, è possibile contare sulle sponsorizzazioni, interessate a coprire i costi vista l’importanza di questa gara, famosissima a livello mondiale e che possono trovare nel raid più famoso del pianeta una bella vetrina per i propri brand.

Questo evento, come detto in precedenza, non perderà mai il proprio fascino, e chi fosse interessato può pensare di partecipare anche solo per il gusto di dire di averlo fatto. L’edizione 2023 si sta andando a concludere nel segno della Toyota di Nasser Al-Attiyah, dominatore delle ultime annate e che vanta già quattro successi. I prossimi a sfidarlo potreste essere voi stessi.