Volkswagen, addio alla Passat: ecco come sarà la ID.7 (VIDEO)

La celebre Volkswagen Passat è pronta a lasciare il passo a un nuovo modello, che presenta novità davvero interessanti: la ID.7.

Ormai tutti i marchi sono in piena rivoluzione elettrica. Il 2023 si preannuncia uno degli anni in cui più di ogni altro le varie case diranno addio ai modelli con motori termici per inserire nella propria gamma auto 100% elettriche. E tra quelle che più di ogni altra sta agendo in tal senso c’è la Volkswagen. Il Dieselgate di qualche anno fa ha profondamente inciso non solo sulle casse del marchio tedesco ma anche sulla sua reputazione. E per questo sta cercando di dare una svolta decisa e rapida dal punto di vista concettuale, dando finalmente spazio maggiormente ad auto realmente “pulite”.

Volkswagen (ANSA)
Una Volkswagen elettrica in fase di montaggio (ANSA)

In attesa della nuova Tiguan, una delle auto più riuscite della casa di Wolfsburg nata nel 2007 e al suo terzo restyling, la Volkswagen sta continuando a puntare forte sulla sua nuova gamma elettrica denominata ID. Proprio nei prossimi mesi dovrebbe sapersi di più della nuova ID.3, che Thomas Schafer, boss del marchio, ha descritto come un Mini Suv che sarà basato sulla piattaforma modulare MEB e che con ogni probabilità non sarà più una variante della Golf ma una versione elettrica del T-Roc.

Addio Passat, ecco la Volkswagen ID.7

Ma non è l’unica novità in serbo per la casa tedesca. Infatti al CES di Las Vegas in questi giorni è stata presentata la prima berlina Volkswagen completamente elettrica basata sulla modular electric drive matrix (MEB). Si tratta della ID.7, che di fatto manda in pensione uno dei modelli più di successo del marchio, la Passat.

A livello di design si nota subito la carrozzeria da berlina, molto simile anche a una coupé, che rivela l’impegno dei progettisti sul lato dell’efficienza aerodinamica, come accaduto con gli altri modelli ID. Si notano subito poi i fari a LED un po’ più semplificati tra le altre modifiche tipiche di una versione di serie. La carrozzeria poi, almeno nel prototipo, è in grado di creare luce in diversi colori. Molto belli anche gli interni, che riprendono quelli di modelli Volkswagen ID. La novità principale è l’enorme touchscreen che non è altro che un grande tablet galleggiante con una diagonale di ben 15 pollici che anche in questo caso è accompagnato da una piccola strumentazione, ora completamente integrata nel cruscotto, e da un sistema di realtà aumentata. Cambia anche il design del volante, i comandi touch sotto lo schermo centrale per azionare il climatizzatore e anche altri elementi come la consolle centrale e i pannelli porta.

Debutta poi su questa Volkswagen lo Smart Air Vents, un sistema di climatizzazione intelligente che consente di regolarlo semplicemente rilevando la presenza del conducente e raffreddando o riscaldando l’abitacolo prima ancora che arrivi. Questa ventilazione può essere distribuita automaticamente su un’area più ampia o più ristretta a seconda del numero di passeggeri e della loro posizione. Tutte queste funzioni possono essere attivate per ogni passeggero attraverso il touchscreen centrale o tramite i comandi vocali.

Grande come e più della sua antenata

Dove questo modello si distinguerà sarà a livello di spazio, con un passo di 2.969 mm, cioè anche più lungo delle competitor Tesla Model 3 e Hyundai Ioniq 6. e ovviamente anche 165 mm più lungo di quello della sua antenata Volkswagen Passat. Sarà poi una delle auto che si ricaricano più velocemente del marchio tedesco. Al momento non si hanno numeri precisi, anche se da tempo si parla che, grazie a tutti questi sviluppi, sia a livello di ingegneria e tecnologia, sia di design esterno, questa ID.7 sarà in grado di offrire un’autonomia di 700 km WLTP.

La Volkswagen ID.7 sarà venduta sia in Europa che in Cina e Nord America, con un lancio previsto per il secondo trimestre del 2023. E la sua produzione avverrà nello stabilimento di Emden, in Germania, dove viene già assemblata la sua “sorella” minore, la ID.4 .