Leclerc, arriva la clamorosa ammissione: avviso diretto alla Ferrari

In una intervista a un sito tedesco, Leclerc ha spiegato l’andamento del Mondiale 2022 ma ha anche confessato il suo rapporto con la Ferrari.

Due vittorie nelle prime tre gare, poi tante delusioni e un solo altro successo in Austria. Viste le premesse, per Charles Leclerc il 2022 è stato tutt’altro che emozionante. Il sogno iridato lo ha cullato almeno fino all’estate, poi però la Red Bull ha preso il largo e il monegasco ha dovuto assistere al bis Mondiale di Max Verstappen. Adesso però, finito il campionato, per il pilota della Ferrari è tempo non solo di ricaricare le pile ma anche di analizzare cosa non è andato in quest’annata e provare a lavorare insieme al team per migliorare.

Charles Leclerc (ANSA)
Il pilota Ferrari Charles Leclerc (ANSA)

L’ormai dimissionario team principal Mattia Binotto lo aveva detto che questa sarebbe stata la stagione della crescita e non del Mondiale, ma con il secondo posto in classifica Costruttori e anche nel Mondiale piloti, proprio con Leclerc, è chiaro a tutti che per fare un ulteriore step in avanti si deve puntare solo a un obiettivo, quello grande. E non ci si può più nascondere.

Leclerc e una stagione frustrante

A raccontare la stagione vissuta è stato in esclusiva al sito tedesco Auto Motor Und Sport lo stesso Leclerc: “Ci ho creduto fino a fine stagione. Devi farlo. Nelle prime gare in Red Bull hanno avuto un paio di migliorie che li hanno portati un po’ più avanti di noi. La parte frustrante è arrivata quando abbiamo ottenuto un aggiornamento e abbiamo avuto l’auto più veloce. Le nuove parti a Barcellona ci hanno davvero spinto in avanti ma ne abbiamo ricavato troppo poco. Il motore si è rotto a Barcellona, a Monaco abbiamo sbagliato strategia, un nuovo guasto al motore è arrivato a Baku, poi la penalità al motore in Canada. È stato tutto in salita. Il ritmo c’era per vincere le gare, ma non abbiamo dato risultati. È stato difficile da accettare“.

E allora come si spiega la cavalcata vincente di Max Verstappen? “Abbiamo sicuramente migliorato la nostra macchina, penso che la Red Bull abbia fatto un passo avanti per qualche motivo, soprattutto dopo la pausa estiva. Soprattutto con Max – ha ammesso -. Non tanto con Sergio. Nella seconda parte della stagione sono stati molto, molto veloci, soprattutto in gara“. Come detto però il problema in casa Ferrari è arrivato dopo l’estate: “Se ti manca la velocità, devi spingere di più come pilota. Ciò aumenta l’usura degli pneumatici. Dal mio punto di vista, è stato anche di più perché dovevamo ottenere di più perché non avevamo il ritmo che ci aspettavamo rispetto alla Red Bull. Il risultato indiretto è che si ha un maggiore degrado degli pneumatici“.

La stoccata di Charles

A fare la differenza poi è stato anche una Red Bull potente sui rettilinei e non per il motore. Un fattore questo che spesso ha portato la Rossa a trovare dei compromessi: “Sono stati davvero forti sui rettilinei – ha ammesso Leclerc -. All’inizio della stagione siamo riusciti a recuperare il deficit perché eravamo più veloci in curva. Poi hanno fatto un passo in curva e sono stati semplicemente più veloci di noi in generale“.

Ed ecco che arriva la stoccata del monegasco: “Ma non credo che il problema più grande sia stato l’usura delle gomme. Non eravamo abbastanza bravi per fare una gara perfetta domenica, ad esempio in termini di strategia. A volte ci mettiamo in una situazione non ottimale, che ci costringe a fare uno stint molto lungo con una sola gomma, per esempio. Dobbiamo lavorare per migliorare la nostra prestazione nelle domeniche di gara. Se guardo all’intera stagione, penso che abbiamo avuto le prestazioni per lottare per il titolo. Non l’abbiamo fatto“.

Come ha detto più volte Mattia Binotto, anche Leclerc non dà le colpe del calo Ferrari alla direttiva tecnica 39 entrata in vigore dal GP del Belgio: “Non la pensiamo così. C’è una connessione temporale tra l’introduzione e la nostra perdita di velocità. Ma ad essere onesti, non pensiamo che abbia nulla a che fare con questo. Pensiamo che la Red Bull abbia portato alcune parti a Spa che l’hanno resa più veloce di noi. Non è che abbiamo rallentato rispetto a loro. Sembra proprio che la Red Bull sia diventata più veloce“.

Leclerc e Ferrari, autocritica che fa bene

Dopo un 2021 sottotono, nel 2022 Charles ha chiuso davanti a Carlos Sainz Jr. Ed ecco quale è stato il segreto del suo step in avanti: “Ho cambiato alcune cose. Il modo in cui lavoro. Come mi disciplina a casa. È stato un po’ un casino l’anno scorso. Ogni volta che ero a casa, facevo mille cose. Ad essere sincero, nel 2021 ero molto stanco da metà stagione fino alla fine. Questo mi ha influenzato e ha influito sulla performance. È anche possibile che questa macchina mi vada meglio. Abbiamo fatto un ottimo test invernale. Abbiamo provato molte cose lì. Ci concentriamo molto su come posso guidare la macchina. Ciò mi ha aiutato a iniziare la stagione ad alto livello“.

Sicuramente uno dei punti di forza del suo carattere è l’ammettere i propri errori. E il monegasco ha spiegato perché: “È così che lavoro. Ammetto quando ho commesso degli errori. Non mi dispiace perché lo fanno tutti. Diventa sbagliato se cerchi di nascondere i tuoi errori. Perché allora non crescerai. Una volta che ho commesso un errore, sono fiducioso che ne uscirò più forte. Ho sempre ammesso i miei errori. Non penso che sia male. Se la squadra commette un errore, lo dico anche a loro. Siamo onesti l’uno con l’altro. Con questo modo di lavorare cresciamo insieme. Quindi non voglio cambiare il mio approccio“. E proprio sul rapporto con la Ferrari ha aggiunto: “Siamo autocritici. E io ne faccio parte. Sono molto critico all’interno del team. Non sono un pilota che critica aspramente in pubblico. Ma nelle riunioni interne guido la mia squadra in avanti. È il mio lavoro. Se commetto errori, li affronto. Se la squadra commette errori, deve essere messo sul tavolo e discusso. Devo avere il permesso di dire quello che penso“.

La Ferrari a volte è stata criticata duramente dopo gli errori. Ecco allora la risposta che ha dato Leclerc ai commenti, anche feroci, piovuti sul team quest’anno: “Non dovremmo preoccuparci di ciò che pensano gli altri. Il nostro compito è pensare a dove possiamo migliorare. Questo è abbastanza chiaro. Nelle domeniche di gara dobbiamo implementare ciò che è nella macchina e in noi. Dobbiamo migliorare le nostre prestazioni e la gestione delle gare“.

Poi le parole al miele per la Ferrari: “Era difficile prevedere che il 2022 sarebbe stato l’anno in cui saremmo tornati. Ma ero molto fiducioso. Perché ho visto dietro le quinte nel 2021 quanto lavoro il team stava dedicando alla macchina in arrivo“. Infine un messaggio chiaro al box per il futuro: “La pazienza? E’ stato difficile mantenerla. Sono impaziente quando parliamo di corse e vittorie: questa è la mia vita. Traggo la mia motivazione dalle vittorie. L’ho assaggiato nel 2019. È stata una sensazione incredibile. Il 2020 e il 2021 sono stati come un viaggio nel primo anno di Formula 1. Di certo non è stato facile. Questo probabilmente mi ha spinto di più in errore. Come pilota, cerchi di fare la differenza. Stai parlando di un secondo: nessun pilota può fare quella differenza. Ti spinge verso cose che probabilmente non sono realistiche. Mi ha aiutato a crescere come pilota e ad essere più paziente. Ma spero di non dover mai più essere così paziente nella mia carriera“.