Quali sono le origini di Lewis Hamilton? Ecco tutta la verità su di lui

Si sa tanto della vita in pista di Lewis Hamilton ma davvero poco della sua famiglia. Ecco un ritratto delle origini del campione di F1.

Per chi guida un go-kart, il sogno è sempre lo stesso: diventare il miglior pilota al mondo. E Lewis Hamilton c’è riuscito. La sua storia è quella di un piccolo fenomeno diventato uno dei più forti mai visti nel Circus. Ad oggi i numeri dicono che è a sette titoli del Mondo come un’altra leggenda della F1, Michael Schumacher. E proprio come lui già da piccolo mostrò di essere un pilota fuori dal comune. Aveva il coraggio dei grandi, disse il grande Ron Dennis quando lo vide per la prima volta a 13 anni. Quando ammirò le sue linee in pista e decise di prendere quel ragazzino di Stevenage nel Young Driver Development Program. Da quel momento in poi iniziò una cavalcata che dura ancora oggi.

Lewis Hamilton (ANSA)
Lewis Hamilton (ANSA)

Un pilota Lewis che oggi non è solo impegnato in F1 ma in tanti ambiti, dalla moda alla musica, passando anche per altri aspetti del motorsport. Nel jet-set è uno dei più ricercati: le sue conoscenze a Hollywood e non solo si sprecano. Tutti sono ai piedi di Hamilton, re in pista ma anche nelle battaglie per i diritti umani. In pochi però sanno molto dei suoi inizi, da dove viene, quali sono le sue origini.

Alle radici di Lewis Hamilton

Nato il 7 gennaio 1985 a Stevenage, città e borgo dell’Hertfordshire a trenta miglia da Londra, Lewis è il figlio di Anthony Hamilton e Carmen Larbalestier. Proveniente da Grenada, nei Caraibi, Anthony si spostò in Inghilterra per cercare un futuro migliore. Si separò però dalla madre del futuro campione del mondo quando questi aveva soli due anni ma è rimasto sempre una presenza costante nella vita del figlio. E’ lui che gli ha regalato la prima macchina radiocomandata, prima passione del giovane Lewis. Ma è stato sempre lui a donargli il primo go-kart, con il quale ha cominciato a correre all’età di sette anni.

Con la madre invece, della quale ha assunto recentemente il cognome accompagnandolo a quello del padre, Lewis Hamilton ha vissuto fino all’età di 12 anni, insieme alle sorellastre Nicole e Samantha, per poi trasferirsi a vivere da suo papà, la matrigna Linda e il fratellastro Nicolas. Non la si è quasi mai vista nei circuiti Carmen, ma è stata invece sempre presente nelle grandi occasioni. Come nel 2017, quando Lewis vinse il suo quarto Mondiale in Messico, oppure quando suo figlio è stato nominato Sir “per i meriti sportivi”.

Come detto però è stata importante anche la matrigna Linda, che lo ha spesso accompagnato alle gare con il suo Anthony. E a sottolineare il legame c’è una foto, passata alla storia, che ritrae Lewis nel 2008 mentre abbraccia sia lei che la madre naturale, segno di un rapporto davvero importante in questa famiglia “allargata” che si è venuta a formare negli anni. Dei fratelli invece si sa tanto di Nicolas Hamilton, nato nel 1992 con una paralisi cerebrale che ha colpito movimento e coordinazione, che lo ha costretto per anni sulla sedia a rotelle. Una patologia che però ne ha forgiato il carattere, tenace come pochi. Tanto che lo stesso Lewis si dice ammirato e ispirato dal fratello. Nicolas infatti ora è un pilota automobilistico, che si divide tra Btcc e Renault Clio Cup UK. Poco o nulla si sa invece delle sorellastre Nicole e Samantha, nate dal secondo matrimonio di mamma Carmen con Raymond Lockhart.

Mentre è stato lo stesso Lewis Hamilton a mostrare al mondo un altro elemento importante della famiglia, il nipote Kaiden, divenuto improvvisamente famoso il giorno di Natale del 2017 per una vicenda che, però, ha del triste. Quel giorno, infatti, Hamilton postò su Instagram un video mentre scherzava con il bambino che girava per casa con indosso un vestito da principessa viola e rosa. Una battuta in particolare scatenò le critiche di molti utenti, con il pilota che fu costretto dopo qualche giorno a delle pubbliche scuse. Ma chissà se Kaiden seguirà le orme dello zio…

Impostazioni privacy