Hamilton, arriva la resa? Il campione lascia i fan di stucco

Lewis Hamilton arriva in Messico dopo la beffa di Austin, ma nelle sue parole c’è poca fiducia. Ecco le sue prime impressioni.

Per Lewis Hamilton la delusione è estrema dopo la sconfitta maturata al Gran Premio degli Stati Uniti per mano di Max Verstappen. Il sette volte campione del mondo aveva disputato una gara fantastica, usufruendo di una Mercedes competitiva, ma ancora decisamente non al livello della Red Bull.

Hamilton (LaPresse)
Hamilton (LaPresse)

La foga del campione del mondo è stata incontenibile nel finale di gara, e Sir Lewis si è dovuto accontentare di una piazza d’onore comunque onorevolissima. La sensazione è che la fame del britannico sia tutt’altro che svanita, ma c’è la consapevolezza del fatto che rialzarsi non sarà facile, alla luce anche dello stato di forma in cui versa Super Max ed anche il team di Milton Keynes.

In Mercedes c’è grande ottimismo in chiave 2023, con gli uomini del team di Brackley che sono duramente al lavoro per colmare il gap dai rivali. Nico Rosberg, in questi giorni, ha letteralmente gelato sia gli anglo-tedeschi che la Ferrari, affermando che pensare di chiudere la differenza con la Red Bull per il prossimo anno sarà quasi impossibile.

Anche un altro grande ex come Ralf Schumacher si è lasciato andare ad una dichiarazione del genere, affermando che gli uomini di Christian Horner hanno la possibilità di aprire un ciclo. Hamilton, com’è ovvio che sia, si augura che le cose vadano in modo diverso, ma è consapevole del fatto che il 2022 gli potrebbe regalare ben poche altre soddisfazioni.

Hamilton, ecco le sue parole nel giovedì del Messico

Lewis Hamilton è arrivato a Città del Messico ben sapendo che battere le Red Bull sarà molto complicato. Questa pista gli ha regalato grandi gioie in passato, con due vittorie conquistate nel 2016 e nel 2019, ma soprattutto ben due titoli mondiali nel 2017 e nel 2018, entrambi conquistati con un paio di tappe di anticipo davanti a Sebastian Vettel.

Il britannico vuole ripetere la prestazione di Austin, ma nelle sue parole traspara tutto il suo pessimismo: “Se devo essere onesto, penso che per noi sarà molto difficile pensare di vincere una gara. La pista comunque mi piace ed in passato siamo andati bene, ce la metteremo tutta come sempre. Vedremo ciò che riusciremo a regalare ai tifosi“.

Hamilton ha comunque tutte le carte in regola per portare a casa una bella prestazione, e se proprio vogliamo guardare alla classifica, c’è da dire che una bella motivazione ce l’ha. Nelle ultime tre gare, Sir Lewis ha chiuso sempre davanti a George Russell, riportandosi a -20 in classifica piloti dal suo quarto posto, ed a -4 da Carlos Sainz.

Inutile dire che per uno che ha vinto sette titoli mondiali questi sono risultati poco appaganti, ma chiudere davanti ad un compagno di squadra è comunque importante per ogni pilota, figurarsi per uno vincente come lui che si è trovato di fronte un debuttante in un top team, seppur pieno di talento come Russell. La Mercedes vuole nuovamente battere la Ferrari, per preparare un 2023 che dovrà essere, per forza di cose, in netta crescita rispetto a quest’anno.