Aleix Espargaró, disastro in Malesia: che botto nelle prove libere! (VIDEO)

L’appuntamento malesiano è cominciato con il botto per Aleix Espargaró. Subito a terra nella prima sessione di prove libere di Sepang.

Momento complicatissimo per Aleix Espargarò che è arrivato in Malesia con possibilità sempre più risicate. Gli ultimi risultati stagionali sono stati disastrosi. Il centauro dell’Aprilia ha chiuso fuori dalla zona punti in Giappone (sedicesimo), undicesimo in Thailandia e nono in Australia. La rimonta di Pecco avrebbe anche potuto regalare chance allo spagnolo, ma ormai il mondiale è alle ultime battute. Il ducatista comanda la classifica piloti con 233 punti, 14 di vantaggio su Fabio Quartararo e 27 su Aleix Espargaró. Quest’ultimo non ha trovato il miglior feeling nemmeno nella pazza gara di Philip Island.

Aleix Espargaró (LaPresse)
Aleix Espargaró (LaPresse)

I primi dieci sono stati molto vicini, come non accadeva da anni in MotoGP. Sembrava una gara di Moto3, ma Aleix non è mai stato della partita. La vittoria è andata ad Alex Rins. Il pilota della Suzuki ha vissuto una giornata di grazia, non avendo nulla da perdere. Bagnaia ha pensato alla graduatoria mondiale, posizionandosi al terzo posto, mentre Marc Marquez ha scelto di portarsi a casa, senza rischi, il primo piazzamento sul podio della stagione. Il catalano potrebbe ancora avere un ruolo determinante per la corsa al titolo. Pecco Bagnaia, infatti, potrebbe chiudere i giochi già in Malesia. Ecco gli orari della corsa. Tuttavia il distacco permette ancora di sognare. Sia Aleix che Fabio dovranno prendersi degli importanti rischi e sperare in una domenica storta di Bagnaia.

Finché la matematica non lo condannerà lo spagnolo darà il 100%. La sua stagione è sempre stata improntata sulla volontà di non mollare mai. Qualche errore lo ha commesso anche Aleix, nel corso del campionato, ma rientra nella normale amministrazione di un team e di un pilota che non hanno mai corso per il titolo nella classe regina. In Giappone è stato deludente vedere subito fuori dalla mischia il centauro di Granollers a causa di un paradossale errore di un meccanico. La partenza dalla pit lane ha condannato il centauro ad uno zero pesantissimo. La squadra diretta da Massimo Rivola può essere, comunque, soddisfatta del rendimento del suo team. La tappa in Argentina rimarrà nella storia. La vittoria, finalmente, in MotoGP dell’Aprilia era coincisa con la leadership dello spagnolo in classifica.

Con soli tre contendenti alla corona, Aleix dovrà provare a stare davanti a Bagnaia e Quartararo nelle ultime due tappe. Il ducatista dovrebbe guadagnare a Fabio Quartararo altri undici punti, e non perderne più di due rispetto ad Aleix Espargaró, per laurearsi campione già in Malesia. L’ultima tappa diventerebbe una formalità, ma per tre millesimi Pecco è rimasto fuori dalla top 10 della classifica combinata delle prime libere. Nonostante l’iniziale passo falso del torinese, non sarà facile per Aleix, anche perché il round malesiano è iniziato nel peggiore dei modi. Pronti, via e il catalano si è steso nelle prime prove libere. E’ caduto tra le curve 8 e 9, a bassa velocità, ma ha distrutto il parabrezza e parte dell’aerodinamica anteriore dell’Aprilia. Il guasto meccanico, inoltre, alla sua seconda Aprilia lo ha costretto ai box e lo ha obbligato a oltre 2 secondi dalla testa della classifica.

Il crash di Aleix Espargaró

Dopo aver chiuso ventesimo le FP1, la seconda sessione è stata caratterizzata da un ritardo per una pioggia torrenziale che ha allagato il tracciato di Sepang. Per fortuna le condizioni sono andate, velocemente, a migliorare, grazie ad un ottimo drenaggio, ma i tempi non si sono abbassati. I piloti, fino agli ultimi minuti, non hanno potuto montare gomme da asciutto. E’ emerso l’esperto Cal Crutchlow, che guida la Yamaha satellite da Aragon al posto di Andrea Dovizioso. Nella combinata prevalgono però i tempi delle FP1, dove Brad Binder ha strappato il miglior crono davanti ad Alex Rins e Marc Márquez. Qualora le FP3 dovessero essere bagnate, la posizione del catalano sarà molto delicata, dovendo partire dal Q1. Ecco gli orari del weekend.

Il suo botto nella prima sessione è stato clamoroso. Lo spagnolo, al termine della complicatissima giornata, non sarà al settimo cielo. Il campione ha osato un pò troppo nella prima sessione e le conseguenze sono state pesanti. Per fortuna sul piano fisico il catalano non ha riportato conseguenze dopo il botto, ma il morale è a pezzi. Le possibilità di rimonta già sono poche, se poi si commettono anche errori alla guida, diventa una missione impossibile. Nel box Aprilia la delusione è anche aumentata dopo i problemi tecnici avuti dal centauro sulla seconda moto. Il penultimo appuntamento della stagione è, davvero, cominciato come peggio non si potrebbe per Aleix.