Valentino Rossi, va tutto storto a Valencia: il Dottore è deluso

Fine settimana negativo per Valentino Rossi a Valencia, dove è andato in scena il Fanatec GT World Challenge. Ecco le sue parole.

Il Fanatec GT World Challenge targato 2022 volge ormai al termine, e per i nostri colori quello di Valencia è stato un fine settimana dai due volti: Valentino Rossi è tornato a faticare dopo gli ottimi quinti posti ottenuti a Misano e ad Hockenheim, ma Raffaele Marciello si è laureato campione assoluto della categoria.

Valentino Rossi (ANSA)
Valentino Rossi (ANSA)

Infatti, il pilota della Mercedes #89 dell’Akkodis ASP Team ha trionfato nella classifica “generale”, ovvero quella riferita ai campionati endurance e Sprint, mentre il titolo specifico della serie che prevede gare più brevi è andato all’Audi #32 del team WRT, condotta da Charles Weerts e Dries Vanthoor.

Weerts ha approfittato della scelta della sua squadra di montare le gomme slick nell’ultimo stint in Gara 2, corsa che era iniziata con il bagnato, per andare a prendersi la testa ad un paio di minuti dalla fine, superando proprio la Mercedes #89 che in quel momento era nelle mani di Timor Boguslavskiy.

Dunque, sia Mercedes che Audi possono sorridere, anche se lo stesso discorso non è valido per la R8 LMS #46 di Valentino Rossi, che si avvia verso la conclusione di una stagione dolce-amara, visto che alcuni risultati positivi sono stati alternati con dei week-end non propriamente esaltanti.

Il “Dottore” aveva iniziato il campionato con diversi errori, come quello ai box di Imola che aveva fatto parecchio scalpore. Anche a Zandvoort, su una delle piste più difficili del calendario, non erano mancati gli svarioni, anche se in seguito le cose erano migliorate man mano che il pilota di Tavullia acquisiva esperienza.

Ad inizio luglio, nella seconda gara di Misano della serie Sprint, il #46 giallo più famoso del mondo aveva chiuso quinto in coppia con Frédéric Vervisch, e questo duetto ha ripetuto tale risultato ad Hockenheim nell’endurance anche grazie a Nico Muller. I tre si ritroveranno insieme per il gran finale di Barcellona, ma ora sentiremo il racconto del nove volte campione del mondo del Motomondiale.

Valentino Rossi, ecco com’è andata a Valencia

Valentino Rossi e Frédéric Vervisch hanno chiuso all’undicesimo posto Gara 1 nella giornata di sabato sul tracciato di Valencia, e le cose non sono migliorate troppo nella seconda manche di domenica. Infatti, l’equipaggio del team WRT è stato costretto addirittura al ritiro, a causa di un problema sopraggiunto sulla loro Audi.

Al termine del fine settimana, il “Dottore” ha raccontato ciò che è accaduto in pista in un’intervista riportata da “Motorsport.com“: “Il nostro fine settimana era iniziato bene venerdì, avevamo un buon passo e ci sentivamo fiduciosi per le qualifiche e la gara. Purtroppo, la gara di sabato è stata complicata, ho avuto un guasto alla radio che di certo non ci ha favorito. Non avevo aggiornamenti ed info utili, di solito le abbiamo in continuazione e non averle fa una certa differenza“.

Valentino Rossi ha aggiunto: “Abbiamo anche fatto alcuni errori, anche nei pit-stop, e credo che alla fine si potesse fare molto di meglio rispetto a quanto effettivamente accaduto in pista. Qui era molto complesso superare, quindi devo dire che possiamo anche accontentarci, anche se gli obiettivi erano ben diversi“.

Domenica non siamo stati aiutati dalla fortuna, la pioggia ha scombinato tutti i piani ed avevamo un bel ritmo sull’asciutto. Poi ci si è messo anche il problema tecnico, io non avevo mai provato con il bagnato e tutto è andato storto. Un fine settimana difficile, ma da cui vogliamo trarre motivazioni per migliorarci ed andare carichi a Barcellona“.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Questo campionato si conferma molto difficile per il “Dottore”, viste le tante insidie e variabili che può nascondere. L’occasione per rifarsi è vicina, e Barcellona è un’altra pista che il pilota di Tavullia conosce alla perfezione, nella speranza che anche la fortuna decida di assisterlo questa volta.