Lucchinelli, insinuazioni su Bagnaia: questo non piacerà a Ducati

La MotoGP entra nella volata finale per quanto riguarda la sfida mondiale. Marco Lucchinelli si è espresso in merito a Bagnaia.

La stagione della MotoGP 2022 volge al termine, con gli ultimi sei round che risulteranno decisivi per l’assegnazione del titolo mondiale. Il favorito resta sempre Fabio Quartararo, che comanda la classifica con 211 punti. Il francese è in testa alla graduatoria generale dal mese di aprile, quando si impose nel Gran Premio del Portogallo mettendo fine ad un inizio di stagione difficile.

MotoGP Pecco Bagnaia (ANSA)
MotoGP Pecco Bagnaia (ANSA)

Il campione del mondo della MotoGP deve però guardarsi le spalle da Pecco Bagnaia, che è l’uomo del momento sulla moto migliore. La Ducati ha dimostrato di avere un grosso vantaggio sulla Yamaha nelle ultime quattro gare, tutte vinte dal rider torinese, ma c’è da dire che anche lo stesso Pecco sta svolgendo alla perfezione il suo compito.

La sua prima parte di stagione era stata troppo altalenante, con le vittorie di Jerez de la Frontera e del Mugello alternate ad errori grossolani. Dopo le cadute di Le Mans e del Sachsenring e dello sfortunato ritiro alla prima curva di Barcellona (dove è stato centrato dalla Honda LCR di Takaaki Nakagami), Bagnaia era precipitato a quasi 100 punti da Quartararo, ed il sogno mondiale sembrava bello che andato.

Tuttavia, ad Assen è cambiato tutto, con “El Diablo” che si è dovuto ritirare dopo la caduta nel momento dell’attacco all’Aprilia di Aleix Espargaró. Pecco ha iniziato a vincere con costanza, portandosi a casa quattro successi consecutivi, cosa che in sella alla Ducati non era mai capitata a nessuno, visto che Casey Stoner, sia nel 2007 che nel 2008, non riuscì mai ad imporsi per più di tre volte di fila.

Domenica si correrà ad Aragon, pista che lo scorso anno regalò all’alfiere della casa di Borgo Panigale la prima vittoria in carriera, al termine di un duello estenuante contro Marc Marquez. Quartararo va in Spagna fiducioso, dopo gli ottimi risultati dei test di Misano dove è stata deliberata la nuova carena della Yamaha, che ovviamente verrà utilizzata anche in gara. Tra i due contendenti ci sono ancora 30 punti di distacco, ma la sfida è aperta.

MotoGP, Marco Lucchinelli lancia una bordata a Bagnaia

Farà discutere e non poco quello che ha dichiarato Marco Lucchinelli nel corso di un’intervista esclusiva rilasciata a “Motosprint“. “Lucky” ha infatti detto: “Quest’anno la MotoGP ci sta regalando un bellissimo campionato, ma un pensiero mi aleggia nella testa. Mi sembra davvero che qualcuno, non voglio dire di chi si tratta, stia facendo di tutto per far vincere Pecco Bagnaia, è giusto che si imponga chi se lo merita“.

Il campione del mondo della Classe 500 nel 1981 ha poi aggiunto: “Non credo sia giusto che per far vincere un pilota si debba far ricorso a strani giochi interni alla squadra o a cose di questo genere, a me piace veder vincere chi ne ha le qualità e che lo fa tramite i propri mezzi. Deve funzionare così in questo sport“.

Lucchinelli ha anche criticato la scelta di ritirarsi dalla MotoGP della Suzuki, la casa che lo portò al mondiale ormai oltre quarant’anni fa: “Loro hanno fatto un gran lavoro due anni fa vincendo il titolo iridato, la moto era competitiva e decidono di ritirarsi all’improvviso? Questo era il momento giusto per fare l’opposto, ovvero investire e puntare forte sui loro piloti, avevano la possibilità di vincere tanto e restare competitivi. La stessa cosa accadde tanto tempo fa in Superbike, ma mi auguro che per il marchio sia la cosa più corretta, altrimenti non me la spiego“.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Come al solito, Lucchinelli non è stato banale nelle sue dichiarazioni, ma stavolta ci è andato davvero giù pesante. Pecco Bagnaia e la Ducati risponderanno? Solo i prossimi giorni ce lo diranno, ma è sicuro che qualche ripercussione ci sarà dopo queste parole, che di certo non sono più all’ordine del giorno.