F1, brutta tegola per le Red Bull a Monza: arrivano pesanti penalità

Parte in salita il weekend per il pilota della Red Bull Racing, Max Verstappen. Per la Ferrari sarà una occasione importante.

Proprio come accaduto a Spa Francorchamps, la Rossa avrà una occasione d’oro per marcare la pole position. In quell’occasione Carlos Sainz riuscì a partire dalla prima casella, sfruttando proprio le penalità a Leclerc e Verstappen. Stavolta l’occasione d’oro l’avrà il monegasco che potrà sfruttare il cambio di PU per Sergio Perez e dell’ICE per Max Verstappen.

Red Bull RB18 (LaPresse)
Red Bull RB18 (LaPresse)

In sostanza il pilota monegasco ha la strada spianata per la pole position, considerato che il suo teammate partirà dall’ultima fila per la sostituzione della Power Unit, come confermato da AMuS. Naturalmente la strada che porta al successo domenica è ancora molto in salita. Il monegasco, infatti, dovrà tenere d’occhio la rimonta dei suoi principali competitor, in particolare di Max Verstappen. L’olandese ha già dato dimostrazione di poter fare qualcosa di incredibile, scattando nelle retrovie. In Belgio rimontò in soli 12 giri, passando dalla quattordicesima posizione alla leadership. In quell’occasione il contatto tra Alonso ed Hamilton aiutò non poco, così come una Safety Car nelle prime battute, ma nel complesso si prospetta una occasione d’oro per la Ferrari.

Leclerc ha cambiato il motore a Spa Francorchamps, optando per il nuovo ibrido. Una scelta che non si è rivelata esaltante perché il #16 ebbe la sfortuna di incappare in uno sfortunato evento. La visiera a strappo del casco di Verstappen si era incastrata nella parte anteriore della vettura di Maranello. In particolare per evitare un surriscaldamento dell’impianto frenante sull’anteriore destra, il ventiquattrenne fu richiamato ai box. La penalità per eccesso di velocità ha fatto il resto. Ora Leclerc ha la possibilità di riscattarsi, dopo il terzo posto in Austria. F1, Verstappen cuore d’oro: commuove una leggenda del passato.

Red Bull, ecco cosa può fare Verstappen

Il pilota della Red Bull Racing, naturalmente, può rimontare ma la prima variante è sempre un rischio nel gruppo. Di sicuro il pilota dovrà sudare per evitare contatti, se vorrà guadagnare subito posizioni. Il team Red Bull Racing ha deciso di effettuare il doppio cambio in questa tappa, anche perché il tracciato si addice perfettamente alle caratteristiche della RB18. Anche se Spa rimarrà un caso isolato, di sicuro l’olandese ha le capacità di rimontare dal qualsiasi posizione. D’altro canto è in striscia positiva di vittorie, da ben 4 GP. La Ferrari, però, ha una occasione inaspettata. F1, Tsunoda ancora sotto attacco: che risposta ai critici

Charles Leclerc, in compenso, potrà marcare la pole position con qualche pressione in meno. Di sicuro le Mercedes saranno della partita, dopo quando dimostrato a Zandvoort, ma non avere nei paraggi gli altri tre vincitori della stagione è un bell’inizio di weekend. Detto ciò molto dipenderà dal passo della Rossa. Nelle ultime uscite stagionali, a Budapest, Spa e Zandvoort, la Rossa non si è dimostrata all’altezza del compito. Ora nella gara di casa, davanti al suo pubblico, in occasione anche della celebrazione dei 75 anni il team Ferrari vorrà dimostrare di essere riuscito a fare dei passi in avanti. Leclerc e Sainz sono rimasti sconvolti dalle performance della RB18, aggiornata nella parte elettrica del motore ibrido, di Verstappen in Belgio.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In Olanda, comunque, il campione del mondo ha dovuto sudare per conquistare il decimo successo stagionale. Il Tempio della velocità rappresenterà il banco di prova definitivo. Sainz e Perez, oltre a Lewis, sconteranno penalità pesanti. Verstappen non scatterà dal fondo, ma come minimo partirà dalla terza fila. Leclerc dovrà domare in qualifica solo la W13 di Russell e ci sarà spazio anche per qualche sorpresa con Fernando Alonso in agguato. Il pilota dell’Alpine lo aveva già anticipato in conferenza. Ora la palla passa a Leclerc che dovrà dimostrare, ancora una volta, di essere il poleman dell’anno.