Verstappen, arriva l’incredibile ammissione: ecco cosa è successo

Max Verstappen è stato eccezionale in Olanda, dominando e superando Hamilton nel finale. Ecco le sue parole dopo la bandiera a scacchi.

Una superiorità disarmante quella imposta da Max Verstappen a Zandvoort, dove il campione del mondo ha ottenuto la decima vittoria stagionale, la trentesima in carriera. Impressionante, senza aggiungere altro, ciò che sta facendo il figlio di Jos, che ha anche dovuto rinunciare alla presenza del padre in questo fine settimana vista la positività al Covid-19.

Verstappen (ANSA)
Verstappen (ANSA)

Per il momento, contro questo qua, non c’è nulla da fare. Partito dalla pole position, l’olandese ha illuso la Ferrari e Charles Leclerc non allungando troppo nei primi giri, ma poi il passo superiore di Super Max è venuto fuori e non c’è stato nulla da fare. La Mercedes ci ha provato con Lewis Hamilton, ma con il senno di poi la gestione del finale è stata del tutto sbagliata.

Sir Lewis è infatti salito al comando dopo la Safety Car, ma Verstappen con il grip della gomma Soft e la spaventosa velocità di punta della RB18 ha subito ricacciato indietro il rivale, volando via e precedendo, sul traguardo, George Russell e Leclerc. Per il titolo mondiale è ormai solo questione di tempo, ma c’è la sensazione che anche altri primati possano crollare.

Con sette gare alla fine, Super Max è a tre vittorie dai record di successi stagionali di Michael Schumacher e Sebastian Vettel, che nel 2004 e nel 2013 arrivarono a quota tredici. Per gli avversari la situazione è davvero disarmante, soprattutto per la Ferrari, che gareggiava qui su una pista a lei favorevole.

La Rossa, ormai, divora le gomme e non ha passo gara, continuando a commettere degli errori clamorosi ai box. Alla prima sosta di Carlos Sainz mancava la posteriore sinistra, ed all’ultima sosta gli hanno fatto prendere un unsafe release che gli ha causato cinque secondi di penalità, retrocedendo sino all’ottavo posto.

Il mondiale, come ben sappiamo, è finito da oltre due mesi, ma è chiaro che così c’è ben poco da vedere per gli appassionati. La Red Bull, nettamente superiore sugli allunghi, potrà far festa anche a Monza, a casa della Ferrari, dove l’efficienza aerodinamica fa una differenza enorme.

Verstappen, ecco le sue parole dopo la gara

Max Verstappen è un vero e proprio mattatore, che difficilmente potrà essere fermato in questa stagione, ma anche nel futuro. Non c’è nulla da fare contro uno del genere, che ora ha anche una Red Bull nettamente superiore. Tuttavia, con la stessa macchina, Sergio Perez non ha concluso neanche a podio, e ciò rende bene l’idea della differenza che può fare questo ragazzo.

Al termine della gara, Super Max ha commentato quanto accaduto, godendosi il calore dei suoi tifosi: “Me la sono dovuta sudare, non è stata una gara lineare abbiamo dovuto spingere di continuo. Abbiamo preso le decisioni giuste, nonostante le Safety Car. È stata difficile, se ho mai dubitato di vincere con la Safety Car? Con le Dure eravamo leggermente più lenti, ma con la Safety ci siamo dovuti fermare per forza perché non pensavo che sarei potuto restare davanti alla sosta“.

Verstappen ha poi concluso: “Noi abbiamo una grande velocità di punta e siamo riusciti a passare subito, l’ho preparato molto bene alla discesa del banking, per me è incredibile vincere qui. Come posso descrivere questa vittoria? Trionfare a casa mia è sempre molto bello, quest’anno ho faticato ancor di più rispetto allo scorso anno. Il sostegno dei miei tifosi è stato fantastico, ringrazio tutti ed è bellissimo essere olandese“.

La superiorità di Super Max e della Red Bull, come detto, terrorizza la concorrenza in chiave 2023. Dato per scontato che questo campionato sia morto e sepolto, appare davvero difficile pensare che qualcuno possa riacciuffarli per la prossima stagione, con la Ferrari che è crollata e la Mercedes ancora lontana, anche se meno rispetto alle ultime gara.