Verstappen, c’è un interrogativo in Olanda: la Ferrari torna a sperare?

Max Verstappen ha partecipato alla conferenza stampa del GP di casa, mostrandosi fiducioso, ma non crede che la vettura sarà troppo superiore.

Il Gran Premio d’Olanda si disputerà per il secondo anno consecutivo dopo il suo ritorno in calendario. Com’è ben noto, ci troviamo a casa di Max Verstappen, che arriva qui in una situazione di classifica ben diversa rispetto allo scorso anno, dove era in piena battaglia con Lewis Hamilton.

Verstappen (LaPresse)
Verstappen (LaPresse)

Nel 2022, il bis iridato è davvero vicino, con un mondiale che era già indirizzato nel mese di luglio. Super Max sta guidando alla perfezione la sua strepitosa Red Bull, la quale si dimostra adatta ormai a tutti i tracciati dopo qualche difficoltà incontrata ad inizio stagione. La RB18 ha proseguito negli sviluppi nonostante l’importante vantaggio acquisito sulla Ferrari e Charles Leclerc, scavando un solco impressionante.

Verstappen arriva a Zandvoort con 93 punti di vantaggio su Sergio Perez e 98 sul monegasco, che ormai non ha più la minima speranza di battere il rivale, con il quale abbiamo vissuto delle splendide battaglie nella prima parte di stagione. Purtroppo, la terribile gestione di Mattia Binotto e dello stratega Inaki Rueda, unite a qualche problema di troppo sul fronte dell’affidabilità hanno distrutto i sogni di Leclerc, che ora può puntare al massimo alla seconda posizione nel campionato.

Super Max, dal canto suo, può battere diversi record in questa stagione, come quello di vittorie, podi e punti ottenuti nello stesso campionato, ma anche altri come i successi consecutivi. L’olandese è il nuovo padrone della F1 e nessuno, almeno per ora, ha le carte in regola per fermarlo.

Verstappen, ecco le sue parole in conferenza stampa

Il week-end del GP d’Olanda si è aperto con la consueta conferenza stampa dei piloti, alla quale non poteva mancare Max Verstappen. Il campione del mondo ed idolo locale vuole continuare la sua striscia di tre vittorie consecutive iniziata in Francia e proseguita in Ungheria e Belgio, augurandosi, stavolta, di non dover rimontare dalle retrovie.

Cosa si prova a gareggiare in casa da campione del mondo in carica? È già stato incredibile correrci lo scorso anno, con le macchine da F1 è davvero esaltante questa pista, sul giro di qualifica in particolare. L’atmosfera è bellissima e ci saranno tante bandiere arancioni. Non vedo l’ora che inizi il fine settimana“.

Verstappen ha poi parlato della grande cornice di pubblico che è attesa sugli spalti: “Se credo che l’aiuto dei tifosi potrà fare la differenza? Purtroppo no, non ci aiuta sul tempo sul giro, ma è bellissimo vederlo quando sei ai box, vedi gente che si diverte e fa festa. Io cercherò di godermi il tutto al più possibile. Se mi aspetto una lotta più aperta su questa pista? Credo che sarà così, a Spa-Francorchamps è stato tutto perfetto, la nostra macchina si è adattata meglio del previsto e siamo stati molto veloci per tutto il fine settimana“.

Qui in Olanda c’è bisogno di molto più carico aerodinamico, la velocità in rettilineo conta molto di meno, sarà comunque interessante. Se troveremo il giusto assetto saremo veloci, ma il punto interrogativo è relativo a quanto saremo veloci rispetto agli altri. Caratteristica della Red Bull che la rende la macchina migliore? Abbiamo continuato a lavorare per migliorare il bilanciamento ed il mio feeling con la macchina“.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il campione del mondo non ha nascosto i complimenti alla Red Bull per il gran lavoro svolto sulla sua monoposto. Dopo i problemi di inizio anno, la RB18 è cresciuta a suon di sviluppi ed ora è inarrivabile: “Nel complesso, è un’auto molto efficiente, per tutta la stagione siamo andati molto forte sui rettilinei, siamo più efficaci su alcune piste rispetto ad altre. Con tutti gli aggiornamenti che abbiamo portato strada facendo, abbiamo condotto la macchina nella finestra migliore. A Spa è stato incredibile guidarla, ma vedremo come andrà nelle prossime gare“.