Joan Mir, brutto infortunio: ecco come sta, futuro in Honda a rischio?

Domenica da dimenticare per Joan Mir in Austria: una brutta caduta gli ha provocato un infortunio. Intanto si attende l’annuncio della firma con Honda.

Non è esattamente un buon campionato quello che sta facendo Joan Mir. Partito non male, nelle ultime nove gare ha collezionato la bellezza di sei ritiri. Tolto il primo a Portimao provocato da Jack Miller, gli altri cinque sono successi per sua responsabilità.

Joan Mir (ANSA)
Joan Mir (ANSA)

L’ultima caduta è avvenuta nella gara disputata ieri in Austria. Al primo giro è stato protagonista in curva 4 di un bruttissimo highside che ha avuto anche delle conseguenze sul suo fisico. Infatti, ha rimediato la frattura della caviglia destra. Dopo le prime cure avute presso il centro medico al Red Bull Ring, nelle prossime ore verrà sottoposto a ulteriori controlli per capire meglio l’entità dell’infortunio e i tempi di recupero. Verrà sottoposto anche a una risonanza magnetica, sperando che non vi siano danni ai legamenti.

La Suzuki ha diramato le dichiarazioni del due volte campione del mondo su quanto accaduto: “Ho fatto un buon inizio, sono riuscito a guadagnare alcune posizioni e a mettermi nel gruppo dei primi, ma poi alla curva 4 ho perso il posteriore in entrata di curva e ho subito una caduta molto grossa. Mi sento fortunato perché poteva andare molto peggio, è stato spaventoso”.

MotoGP, Joan Mir in Honda: arriva l’annuncio ufficiale?

Mir dovrebbe essere regolarmente in gara nel prossimo gran premio a Misano. Nel weekend in arrivo non si corre e quindi avrà tempo per migliorare la sua condiziona fisica prima dell’appuntamento del 9-11 settembre presso il circuito intitolato a Marco Simoncelli.

Sarà interessante vedere se prima del fine settimana di gara a Misano ci sarà l’annuncio del passaggio di Mir nel team Repsol Honda per il biennio 2023-2024. Erano trapelati rumors in merito e lo stesso pilota ha ammesso che sono stati fatti dei passi avanti per definire il suo futuro in MotoGP.

Da tempo si parla del trasferimento del maiorchino nello stesso box di Marc Marquez, però le firme tardano ad arrivare. Sembra che la trattativa non sia decollata nei tempi previsti a causa della distanza tra domanda e offerta sullo stipendio del pilota. Addirittura il manager Paco Sanchez non ha escluso un anno sabbatico in caso di mancato accordo.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Di recente le parti si sono avvicinate e potrebbe arrivare presto l’annuncio dell’intesa tra Mir e Honda. Forse prima del GP a Misano verrà finalmente tutto ufficializzato. Non dovrebbero verificarsi colpi di scena, anche perché certamente Joan non vorrà rischiare di rimanere fuori dalla griglia del campionato e non ha soluzione migliore del team Repsol per proseguire la sua carriera. Pure la stessa Honda non ha esattamente tante opzioni di livello a disposizione per affiancare Marquez.