Quartararo, non teme la penalità a Silverstone: ecco il suo piano

Fabio Quartararo è stato uno dei protagonisti della conferenza stampa di Silverstone. Ecco quali sono state le sue prime parole del week-end.

La MotoGP torna in azione in questo fine settimana per il Gran Premio di Gran Bretagna, previsto sul tracciato di Silverstone. Dopo cinque week-end di pausa, con il mese di luglio che non ha visto la disputa di nessuna gara, la rincorsa a Fabio Quartararo sta per ripartire, sulla pista che lo ha visto dominare la scorsa stagione.

Quartararo (ANSA)
Quartararo (ANSA)

Il francese avrà un week-end non certo semplice, visto che dovrà scontare un long lap penalty per via di quanto accaduto in Olanda. Sul tracciato di Assen, il campione del mondo è scivolato mentre stava tentando di attaccare l’Aprilia di Aleix Espargaró, facendo perdere molto terreno al rivale.

Tuttavia, lo spagnolo è stato in grado di rimontare alla grande, tornando a -21 nel mondiale. Quartararo comanda ora con 172 punti, mentre Aleix insegue a 151. I due sono in fuga in classifica, con Johann Zarco e Pecco Bagnaia con le prime due Ducati che sono molto attardati, ma senza alcuna intenzione di mollare la presa dai leader.

Quartararo, ecco le sue parole in conferenza stampa

Fabio Quartararo è stato uno dei protagonisti della conferenza stampa del Gran Premio di Gran Bretagna, dove non ha palesato una grande preoccupazione in merito al long lap penalty che dovrà scontare nei primi tre giri sul tracciato di Silverstone. Ecco quanto ha dichiarato il francese.

Se credo che la penalità avrà un grande impatto? La pausa è stata molto lunga, cinque settimane sembrano non passare mai, ma mi sento felice a tornare in pista. Approcceremo come un fine settimana normale, credo sia la cosa migliore da fare in questi casi. Vedremo come andranno le cose su una pista molto difficile“.

Penso che sarà una grande sfida per noi ed io mi sento pronto a scendere in pista. Lo scorso anno abbiamo vinto e la Yamaha è stata competitiva. Nelle categorie precedenti, in Moto2 e Moto3, non sono mai stato troppo veloce, mentre in MotoGP lo sono stato sin dal mio anno d’esordio. Mi sento sempre di poter lottare per la vittoria a Silverstone, lo scorso anno ce l’ho fatto ed un tracciato molto tecnico soprattutto nel primo settore“.

In top class sono sempre andato molto forte e non vedo motivi per cui non dovrei ripetermi. Cosa ne penso dell’inizio della stagione 2023 a Portimao? Non ero in campionato nel 2006, ultima volta in cui la stagione era iniziata in Europa, ma per me non è un problema. Portimao è una pista molto diversa, sarà un altro giorno nel quale si inizierà a gareggiare ma non fa nessuna differenza. Quel circuito mi piace molto, darò il massimo come sempre, ed inizieremo leggermente più tardi rispetto a questa stagione. Da pilota, comunque, non cambia poi tanto“.

Fabio è poi stato interpellato direttamente sulla penalità che gli è stata affibiata per gli eventi di Assen: “Se ho cambiato opinione in merito alla sanzione? Assolutamente no, non voglio dire qualcosa riguardo agli incidenti precedenti perché non sono coinvolto, ma dopo quanto accaduto a Barcellona capisco che abbiano voluto rivedere le regole“.

Tuttavia, devono trovare un equilibrio tra guida irresponsabile ed incidente di gara. So che sono caduto e che Aleix avrebbe potuto ottenere un risultato migliore, ma non credo ci stesse la penalità. Devono trovare un equilibrio tra quando dare una penalità e quando no. Se ho trovato tempo per allenarmi in Grecia? Sicuramente sono stato più impegnato a divertirmi, ma ho avuto tempo anche per andare in palestra e tenermi in forma, ma è stato bello staccare completamente per una settimana con i miei amici e la mia famiglia“.

“El Diablo” è stato accostato ad un possibile test con la Mercedes di F1 prima della fine dell’anno, ed i giornalisti non hanno perso l’occasione per cercare di scoprirne qualcosa in più: “Questa è una cosa su cui stiamo parlando, ma non c’è nulla di programmato. Vorrei comunque provarla, ho testato il simulatore ma non ho mai potuto girare con la macchina. Ho passato una bella giornata con Lewis Hamilton qualche settimana fa, ma non abbiamo parlato delle corse. Ci siamo soltanto divertendo facendo surf“.

La notizia del giorno è quella del ritiro di Andrea Dovizioso, che ha comunicato che non farà più parte di questo campionato dopo il GP di Misano: “Non ho avuto l’opportunità di parlarne con Andrea, ma sicuramente sta faticando quest’anno. Dopo un anno di pausa è difficile tornare in pista, se non si sta divertendo su quella moto ha fatto bene a prendere quella decisione. Ha avuto una grande carriera con tante vittorie in MotoGP, gli auguro il meglio e sicuramente andrà in motocross ogni giorno“.

Se sono penso di poter ripetere la rimonta di Aleix ad Assen in rimonta? Qui non abbiamo ancora fatto neanche le libere, per cui non so cosa aspettarmi. Tuttavia, mi sento motivato e dovrò fare il long lap penalty nei primi tre giri, cosa che mi farà scivolare indietro. Voglio comunque affrontare il tutto come un fine settimana normale almeno per il venerdì ed il sabato, poi alla domenica dovremo avere una strategia diversa per cercare la rimonta“.

Quartararo ha aggiunto: “Non è l’ultima gara della stagione e l’ultima battaglia che avremo quest’anno, non devo diventare matto pensando di dover fare il long lap penalty velocemente ed essere costretto a vincere la gara. Devo essere veloce sin dalle qualifiche. Nella prima parte delle vacanze ho pensato spesso alla penalità, ma non devo di certo esagerare e rischiare di cadere. Dovrò fare attenzione in ogni fase della gara, perché ogni punto è importante e questa stagione e la scorsa lo hanno insegnato“.