MotoGP, Quartararo svela un problema imprevisto: ecco di cosa si tratta

Fabio Quartararo è campione del mondo in carica e si avvia verso il secondo titolo MotoGP. Un successo che deve pagare nella vita privata.

Dopo le epoche d’oro di Valentino Rossi, Jorge Lorenzo e Marc Marquez potrebbe essere il turno di Fabio Quartararo. Il pilota francese della Yamaha sta disputando la sua quarta stagione in classe regina, le prime due nel team satellite SRT, dove si è fatto subito notare per la sua capacità di gestire la M1, ottenendo podi e vittorie. Sono bastate due stagioni per promuoverlo nella squadra ufficiale, al posto della leggenda Valentino Rossi, che ha dovuto accettare il passaggio nel team privato di Razlan Razali.

Fabio Quartararo (foto Ansa)
Fabio Quartararo (foto Ansa)

Dall’esordio in MotoGP ha già collezionbato 26 podi, di cui 11 vittorie, l’ultima nella gara del Sachsenring, prima dello zero di Assen. Guida saldamente la classifica, è detentore del titolo mondiale ed è il grande favorito anche per il 2022. Fabio Quartararo sta diventando una celebrità in Francia e nel mondo, tanto da conquistare le prime pagine dei quotidiani sportivi solitamente riservate alle news di calcio o, in certi casi, al Tour de France o al rugby.

Quartararo eroe in Francia

Dopo la vittoria in Germania ha conquistato la prima pagina del quotidiano “L’Équipe”, ha messo in secondo piano star internazionali come Mbappè e Max Verstappen e non è certo la prima volta che succede dal punto di vista editoriale. Ma il successo chiede il conto e per il pilota di Nizza la privacy diventa sempre più difficile da difendere. Fan, media e semplici curiosi rendono difficile potersi godere la libertà con la famiglia, una passeggiata, andare al ristorante e cose del genere.

Il 23enne rivela a Speedweek.com: “Non vado spesso in Francia perché vivo ad Andorra. Tuttavia, quando vado a trovare la mia famiglia è difficile per me godermela come voglio. Perché non posso essere semplicemente Fabio. Ed è quello che voglio essere quando trascorro del tempo con i miei familiari. Ma quando sono in strada o pranziamo o ceniamo in un ristorante, non posso fare a meno di essere Fabio Quartararo”. Certo la popolarità è una condizione che ha tanti aspetti positivi e non dispiace.

Ma alla lunga inizia a diventare soffocante: “Non è che mi infastidisca”, ha chiarito il campione del mondo. “Ma mi rende un po’ triste perché quando sono in Francia, voglio solo essere lì per la mia famiglia”. Una fama destinata a crescere ulteriormente dal momento che ha chiuso la prima metà del Mondiale al comando e per gli inseguitori non sarà certo facile raggiungerlo nelle 9 gare restanti.