Ferrari, ancora guai di affidabilità? Problemi per Leclerc nelle libere

La Ferrari è stata velocissima nelle prove libere di Silverstone, ma i guai di affidabilità non sono finiti. Ecco cosa è successo a Leclerc.

Un venerdì di prove libere positivo quello che ha visto protagonista la Ferrari, con Carlos Sainz che si è preso il miglior tempo girando in 1’28”942 al termine della seconda sessione. Charles Leclerc è invece mancato all’appello sul fronte della prestazione pura, chiudendo quinto e con un distacco di ben mezzo secondo dal compagno di squadra.

Ferrari F1-75 (LaPresse)
Ferrari F1-75 (LaPresse)

Ovviamente, a tutto c’è una spiegazione. Il monegasco era stato nettamente il più veloce con le Medie nel corso dei primi run, ma in seguito non ha trovato prestazione con la Soft, migliorando solo di pochi millesimi. Charles si è lamentato di un problema con lo schermo del volante, che in diverse occasioni si è spento completamente, impedendogli di acquisire tutte le informazioni principali sulla sua vettura.

Leclerc è stato poi molto veloce in termini di simulazione passo gara, con la Ferrari che è apparsa la monoposto più equilibrata dopo la prima giornata di lavoro. Va detto che al sabato potrebbe cambiare tutto, visto che le qualifiche dovrebbero disputarsi sotto la pioggia, condizione non troppo gradita al Cavallino.

La Red Bull ha infatti conquistato solo tre pole position contro le sei della Scuderia modenese, due delle quali proprio sul bagnato, ad Imola ed a Montreal con Max Verstappen. L’olandese sa esaltarsi sull’asfalto viscido, ma anche la RB18 gli fornisce una bella mano grazie ad un perfetto warm-up della gomma con basse temperature.

Il campione del mondo non ha mai ottenuto il miglior tempo al sabato sull’asciutto in questa stagione, condizione in cui solo Sergio Perez è riuscito a far meglio di Leclerc, ma stiamo parlando di una gara molto distante nel tempo, ovvero il Gran Premio dell’Arabia Saudita di fine marzo.

La pioggia potrebbe essere la protagonista di quest’oggi, e c’è da dire che il Cavallino si augura che la pista resti asciutta il più possibile. Da tenere d’occhio ci saranno anche le Mercedes, mentre la McLaren, seconda ieri con Lando Norris, non dovrebbe essere della partita, pur essendo sicuramente in crescita rispetto agli ultimi due mesi.

Ferrari, ancora guai all’alimentazione per Leclerc

La Ferrari ha uno dei suoi crucci nell’affidabilità, con Charles Leclerc che a Barcellona e Baku ha perso due vittorie quasi certe per il cedimento della power unit. Anche Carlos Sainz ha perso punti pesanti in Azerbaijan a causa di un guasto al Brake by Wire, ed è proprio ciò che non serve nella condizione attuale, quando la Scuderia modenese sa di dover vincere per forza.

Nel corso dei controlli sulle monoposto nella giornata di giovedì, i meccanici si sono accorti che sulla monoposto dello spagnolo si era verificato un guasto al sistema di alimentazione mentre veniva accesa la power unit. La telemetria ha infatti indicato che qualcosa non stava andando come ci si poteva aspettare, e per risolvere il tutto si è proceduto alla sostituzione del telaio. La stessa, identica cosa era accaduta anche in Spagna.

Nel corso delle interviste avvenute dopo le sessioni di prove libere, Leclerc ha sottolineato che sulla sua Ferrari si sono verificati dei piccoli problemi al sistema di alimentazione, che gli hanno impedito di performare al meglio. Al momento, non sembra essere in ballo la sostituzione del telaio sulla sua vettura, ma quello della benzina è un tema molto caldo in questa stagione.

Ad inizio anno, Max Verstappen si dovette ritirare per ben due volte, sia in Bahrain che in Australia, proprio per un problema alla pompa del carburante, che bloccò anche Sergio Perez all’ultimo giro di Sakhir. Nel box della Rossa stanno procedendo ad effettuare gli ultimi controlli prima delle qualifiche, le quali prenderanno il via tra poche ore. Tutto dovrà essere perfettamente al proprio posto.

Entra nel gruppo per news di F1, MotoGp, Auto, moto e pronostici

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli di motori


  1. Telegram - Gruppo base