F1, la Ferrari non ha speranze? Durissima critica dell’ex pilota

Un ex F1 ha commentato l’attuale situazione della Ferrari, esaltando quanto fatto dalla Red Bull. Ecco alcune dichiarazioni scottanti.

Il mondiale di F1 si avvicina al giro di boa, ma nel frattempo c’è da disputare il Gran Premio di Gran Bretagna, in programma per questo week-end sul tracciato di Silverstone. La Red Bull si presenta ad una delle sue due gare di casa con un gran pacchetto di aggiornamenti, che sembra aver preso ispirazioni dalla cuginetta, ovvero l’AlphaTauri, specialmente nella parte bassa del cofano motore e delle pance.

F1 Ferrari (LaPresse)
F1 Ferrari (LaPresse)

La Ferrari non porterà clamorosi sviluppi, se non l’ala posteriore già usata da Charles Leclerc a Montreal e che sarà montata anche sulla monoposto di Carlos Sainz. Si attendono aggiornamenti anche da parte della Mercedes, con la F1 W13 che vuole risalire la china dopo una prima parte di stagione da incubo.

Grandi novità anche sul fronte della Williams, con la zona dei sidepo che riprende diversi concetti di Ferrari e Red Bull. Indubbiamente, queste ultime due vetture hanno fatto scuola per quanto concerne le soluzioni tecniche, con l’Aston Martin che a Barcellona si è presentata con una monoposto praticamente identica alla RB18 nella zona delle pance laterali.

Il team di Grove ha abbandonato il concetto Mercedes, ovvero quello praticamente privo dei sidepod, e secondo le indiscrezioni dovrebbe esserci un grande guadagno prestazionale. C’è chi parla di addirittura un secondo, anche se la cosa appare improbabile. Il Circus deve stare attento anche al meteo, che nella zona di Silverstone potrebbe fare le bizze, il che non sarebbe una novità visto il clima del Regno Unito.

La Ferrari si gioca le ultime cartucce disponibili per sperare di andare a riprendere la Red Bull di Max Verstappen, che con le ultime due vittorie di Baku e Montreal ha fatto il vuoto in classifica. Nonostante il gran vantaggio in classifica, il team di Milton Keynes non ha alcuna intenzione di interrompere lo sviluppo, con l’obiettivo di allungare ulteriormente e chiudere i conti con largo anticipo.

F1, Montoya bastona la Ferrari ed esalta la Red Bull

Abbiamo parlato tante volte dei gravi errori commessi dalla Ferrari in questa stagione, la prima della nuova era della F1. La Scuderia modenese si è rialzata dalle figuracce degli ultimi anni, presentando finalmente un mezzo competitivo. Tuttavia, i grossolani sbagli strategici ed i problemi di affidabilità hanno permesso alla Red Bull ed a Max Verstappen di volare via in classifica negli ultimi due mesi, condannando la Rossa all’inseguimento.

Intervistato a “Vegas Insider“, l’ex F1 con Williams e McLaren, Juan Pablo Montoya, ha detto la sua sulla situazione in cui versa la Ferrari, non risparmiando dure critiche: “Max e la Red Bull hanno un modo di pensare e di agire da vincenti, riescono sempre a trovare la soluzione giusta ai problemi, venendone fuori da grande squadra. Per lui c’è anche un altro aspetto positivo, visto che con il nuovo contratto guadagnerà un sacco di soldi“.

Il colombiano ha aggiunto: “La Ferrari ha spesso la macchina più veloce, ma commettono sempre troppi errori di strategia. Vanno in pista sapendo di poter vincere, ma in un modo o nell’altro non ci riescono mai. Guardate a Monte-Carlo, Charles aveva un grande vantaggio, di oltre cinque secondi, ma sono riusciti a farlo arrivare quarto con una tattica sbagliata. La Red Bull è stata perfetta, sia con Sergio Perez che con Verstappen“.

La Red Bull è cresciuta anche come squadra anche grazie alla Mercedes. Per batterli serviva giocare d’astuzia, inventarsi qualcosa ed essere perfetti in ogni situazione. Oggi lo sono diventati grazie a quei tempi, e per la Ferrari sarà molto difficile. Spesso sono troppo conservativi anche sugli sviluppi, devono trovare presto la strada giusta. Gli avversari scappano e le gare passano. Il distacco è già enorme“.