Aleix Espargarò promette battaglia: “Bisogna fermare Quartararo”

Ad Assen Aleix Espargarò ha un obiettivo chiaro per la gara: prima della pausa estiva bisogna ridurre il gap da Fabio Quartararo.

Aleix Espargarò punta a ridurre le distanze da Fabio Quartararo prima della pausa estiva, ma il GP di Assen sarà una vera prova di fuoco per il pilota Aprilia, consapevole che il layout olandese gioca a favore del rivale francese e della sua Yamaha M1. Ma la RS-GP non smette mai di stupire, non ci sarà un problema di usura gomme come al Sachsenring e la partenza sarà una fase fondamentale per la buona riuscita di questo Gran Premio.

Aleix Espargaro (foto LaPresse)
Aleix Espargaro (foto LaPresse)

Il maggiore dei fratelli Espargarò scatta dalla seconda fila, prevede una gara difficile, ma nella giornata di sabato ha intravisto i migliori presupposti per fare bene. Nella terza sessione di prove libere è caduto nonostante avesse fatto segnare il miglior tempo. Ha concluso 4° nelle FP4, ma nelle qualifiche di Assen non è riuscito a superare il 5° posto anche a cause di un paio di bandiere gialle al termine della sessione.

L’obiettivo di Aleix Espargarò ad Assen

Nel debriefing del sabato fa un’analisi di quanto accaduto sabato ad Assen: “Ho avuto sfortuna. Perché alla fine due giri sono stati cancellati dalle bandiere gialle. Ho parlato anche con Jack (miller, ndr). Pensava fossi arrabbiato con lui. Ma in quel momento ho appena capito che il tempo era finito per tentare un altro time attack. Non ce l’avevo con Jack, era solo la situazione. Il mio potenziale era significativamente più alto del risultato finale”.

Per mantenere vive le speranze iridate sarà fondamentale attaccare dal primo giro, non consentire a Fabio Quartararo e a Pecco Bagnaia di prendere il largo: “In questa fase della stagione è molto importante stare davanti a Quartararo e togliergli dei punti. Mi piacerebbe molto andare in vacanza a meno di un gran premio (25 punti, ndr) di distanza”. Ma alla partenza dovrà fare i conti anche con Marco Bezzecchi e Jorge Martin che al termine della Q2 gli sono finiti davanti.

In ogni caso la priorità è solo una: “Dobbiamo fermare Fabio in ogni caso, non possiamo farlo scappare al via, altrimenti la gara è persa – ha aggiunto Aleix Espargarò -. Il nostro compito è fermarlo dall’inizio, perché altrimenti non lo prendi più. Ho un buon ritmo negli ultimi giri, forse migliore del suo, ma se quando arrivi a quel punto lui è già due secondi davanti a te, sarà impossibile prenderlo”.