Quartararo cannibale alla Marquez? Sentite lui cosa ha detto

Fabio Quartararo fa davvero un altro sport ed in Germania è arrivata la terza vittoria stagionale. Ecco le sue parole a fine gara.

Superiorità imbarazzante quella imposta da Fabio Quartararo al Sachsenring, dove è arrivato il terzo successo stagionale, il secondo consecutivo dopo quello di due settimane fa ottenuto in quel di Barcellona. Non c’è niente da fare contro questo fenomeno, che sta diventando il nuovo re della MotoGP.

Quartararo (ANSA)
Quartararo (ANSA)

L’assenza di Marc Marquez si sta facendo sentire su una categoria che sta perdendo la propria anima, con una gara, quella odierna, dominata da un solo padrone e da una noia che non fa bene all’interesse generale. “El Diablo” è troppo superiore rispetto agli avversari, che tra errori e gare inconsistenti gli hanno spianato la strada verso il mondiale.

Quartararo ha preso il comando delle operazioni già alla prima curva, involandosi davanti a Pecco Bagnaia. Il poleman non ha potuto nulla già dai primi giri, e nel tentativo di tenere il passo del campione del mondo della Yamaha è caduto per l’ennesima volta. Evidentemente, la partenza dalla prima posizione sta diventando una maledizione sia per la Ferrari in F1 che per la Ducati in MotoGP, visto che i punti si fanno alla domenica e la gran parte delle volte arrivano solo delusioni.

Fabio sta dimostrando un ritmo del tutto superiore, una costanza da veterano che non lascia scampo agli avversari. Visto il suo livello e quello della concorrenza, c’è da scommettere che lui e la Yamaha apriranno un ciclo vincente, ed oggi è stato anche sfatato un tabù riguardo al Gran Premio di Germania.

Da queste parti, la casa di Iwata non vinceva dal 2009 con Valentino Rossi, visto che poi, al Sachsenring, era iniziato un impressionante dominio della Honda, che quest’anno non aveva il potenziale per puntare a proseguire questa striscia, sia per la moto che per i piloti schierati in pista.

Quartararo, avversari bastonati anche oggi

Fabio Quartararo fa un altro sport, ed il mondiale è ormai in cassaforte per il secondo anno consecutivo. Nulla da fare neanche per l’Aprilia e per Aleix Espargaró, che precipita ad oltre 30 punti di ritardo e che ormai non ha più nulla da chiedere a questa stagione, che comunque resta molto positiva.

Al termine della gara, il campione del mondo ha raccontato le proprie sensazioni alla stampa, non nascondendo la sua soddisfazione: “Sono molto stanco, non sono stato bene durante la settimana e comunque abbiamo scelto di correre e siamo stati fortunati con la scelta della gomma. Grande degrado ma noi abbiamo gestito tutto molto bene. In Francia oggi è la festa del papà e voglio dedicargli questo risultato. Tutto è andato benissimo“.

Quartararo ha aggiunto ai microfoni di “SKY Sport MotoGP“: “Gara molto difficile, la gomam ha avuto un drop inatteso e mantenere la consistenza quando Zarco era così vicino non era facile. Sono riuscito a tenerlo a distanza per poi allungare strada facendo. Come ho saputo di Bagnaia? L’ho visto sul maxischermo quando ero nelle prime curve, ho visto una moto Rossa indietro. Già avevo fatto un piccolo gap con Pecco, ho visto che era caduto quasi subito“.

Vincere contro il vero Marquez? Lui e gli altri grandi sono stati dei grandi fenomeni, sto lottando molto e voglio lavorare duramente per raggiungere il loro livello. Sicuramente stiamo parlando di vere leggende, ma spero di poterci arrivare un giorno. Per il momento dobbiamo lavorare, cercare di continuare così perché la stagione è ancora molto lunga e gli avversari sono forti“.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il campione del mondo ha ora fatto il vuoto e sente di poter dare la zampata finale, probabilmente ci proverà già da domenica prossima in quel di Assen. Il Gran Premio d’Olanda è uno dei più belli ed attesi, e per i rivali del campione del mondo è una delle ultime occasioni per riaprire i conti.