Mercedes, il futuro si decide in estate: ecco la decisione che prenderanno

In casa Mercedes la stagione 2022 è un vero e proprio incubo. Ecco cosa decideranno Toto Wolff ed i suoi uomini prima di Budapest.

Il campionato di F1 targato 2022 ha segnato la fine definitiva dell’era Mercedes. Già lo scorso anno, Max Verstappen e la Red Bull avevano strappato il titolo di campione del mondo piloti a Lewis Hamilton ed al team di Brackley, dopo sette anni di mondiali, ma il costruttori era comunque andato agli anglo-tedeschi per l’ottavo anno consecutivo.

Mercedes F1 W13 (LaPresse)
Mercedes F1 W13 (LaPresse)

Il cambiamento regolamentare ha modificato molti valori in campo, anche se la Red Bull è riuscita a mantenere lo status di top team, battagliando però contro la Ferrari. La F1 W13 è infatti un vero e proprio disastro, una monoposto nata male e che non è di certo evoluta secondo i piani della squadra più vincente degli ultimi anni.

L’unica buona notizia per la Mercedes è George Russell, che sta performando da vero leader, portando a casa dei risultati eccellenti e del tutto inaspettati. L’ex Williams ha sempre concluso le proprie gare nella top five, risultando l’unico ad esserci riuscito, facendo, pertanto, meglio dei piloti Ferrari e Red Bull.

La classifica è tutta dalla sua parte, dal momento che è quarto con 99 punti, a sole 17 lunghezze da Charles Leclerc, che sta patendo le troppe battute d’arresto della Scuderia modenese. Disastroso il ruolino di marcia di Hamilton, con appena 62 punti conquistati, a -37 dal suo giovane compagno di squadra. Il sette volte campione del mondo soffre maledettamente il fenomeno del porpoising, che per qualche istante sembrava potesse mettere in discussione la sua partecipazione al Gran Premio del Canada.

La freccia d’argento patisce il “pompaggio” in maniera davvero esagerata, ed a Barcellona sembrava aver messo un freno a questa difficoltà. In Azerbaijan tutto è tornato come prima, con il rettilineo di 2 chilometri che non ha fatto altro che porre in evidenza le difficoltà di questa monoposto.

Mercedes, prima di Budapest la decisione finale

In casa Mercedes si è ora ad un bivio per quanto riguarda la F1 W13, monoposto afflitta da mille problemi. George Russell ha parlato dei problemi della vettura alla stampa, affermando: “Non mi trovo male con l’equilibro della macchina, anche con i giri del motore. Siamo semplicemente troppo lenti. Da quando abbiamo smesso di rimbalzare, abbiamo guidato l’auto a pochi millimetri da terra. Ora atterrando la strada ci sta rallentando. Si vedono appena i box o i punti di frenata, la macchina vaga sui rettilinei. E va in groppa“.

Se vogliamo andare più veloci, dobbiamo soffrire di più. Ma non possiamo aspettarci che i nostri piloti facciano ogni volta qualcosa di simile a Baku”, ammette Toto Wolff. “Se avessimo ancora la macchina di prima del Barcellona, ​​Baku sarebbe stato anche peggio per noi”. La Mercedes prevede un leggero miglioramento per Montreal, visto il tracciato e le novità tecniche:”Abbiamo alcune modifiche alla macchina. Questo dovrebbe aiutare“.

Secondo quanto riportato da “Auto Motor und Sport“, sulla F1 W13 verrà presa una decisione definitiva entro l’Ungheria. Lo sviluppo della monoposto potrebbe essere abbandonato molto presto, visto che il mondiale è ormai un miraggio. La Red Bull è in totale controllo della situazione, ma anche la Ferrari, almeno dal punto di vista prestazionale.

Russell ha però lodato l’affidabilità della sua monoposto, che finisce tutte le gare senza problemi tecnici rilevanti. Gli unici guai si sono verificati nel finale del Gran Premio di Spagna, senza però compromettere la sua cavalcata verso il podio. Conoscendo la forza di questa squadra, è facile attendersi un riscatto importante per la prossima stagione, ma il 2022 resterà impresso come un grande buco nell’acqua. Anche la vittoria di qualche gara sembra impossibile, vista la superiorità netta della concorrenza.